Napoli nel degrado e sporca. Cestini non svuotati e degrado urbano. Nasce il movimento contro il degrado

Condividi
Borrelli e Simioli: “chiediamo al direttore del Museo e il Bosco di Capodimonte Bellenger di essere il testimonial di questa battaglia di civiltà”.
cestini e degrado a Napoli“A Napoli in queste ore c’è una grave situazione di degrado urbano – dichiarano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore della Radiazza su Radio Marte Gianni Simioli – anche a causa della presenza record di turisti che non è gestita come si dovrebbe. E’ impensabile che nelle zone più frequentate della città il servizio svuotamento dei cassonetti non funzioni bene, che i contenitori della differenziata non vengano svuotati per settimane che sia consentito in alcune zone cittadini di abbandonare ogni tipo di rifiuto, è altrettanto vero che il livello di inciviltà ha superato ogni limite di guardia. In particolare il centro storico è in totale crisi. In certi momenti si cammina proprio sui rifiuti”. 

“Sylvain Bellenger direttore del Museo e il Bosco di Capodimonte – continuano Borrelli e Simioli –  ha lanciato una allarme parlando di un “degrado che cresce”. E’ tempo di reagire creando un movimento contro gli incivili che ammazzano Napoli. Chiediamo per questo a Bellenger di essere il testimonial di questa battaglia di civiltà. Partiamo da chi invece di sporcare ogni giorno pulisce il nostro territorio e lotta contro il degrado. Bisogna creare un vero conflitto pubblico e sociale contro chi usa Napoli come pattumiera”.
cestini a Napoli

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]