Napoli, monopattini elettrici: utilizzo da regolamentare

Condividi

Problemi per la deambulazione anche per persone diversamente abili

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, in relazione all’iniziativa di sperimentare l’uso dei monopattini elettrici nel quartiere partenopeo del Vomero, mette in guardia rispetto a una sorta di anarchia che si sta verificando in questi giorni, chiedendo all’amministrazione comunale partenopea di mettere in campo urgenti provvedimenti al riguardo.

NARDONE

 ” Sicuramente – afferma Capodanno – bisogna incrementare l’utilizzo di mezzi ecosostenibili nell’ambito della viabilità ma occorre anche disciplinarne l’uso al fine di evitare abusi e conseguenti disagi alla cittadinanza “.

” Non solo per quando riguarda il rispetto delle regole dettate dal codice della strada – sottolinea Capodanno – ma segnatamente in relazione alla sosta dei questi mezzi che attualmente vengono parteggiati un poco dovunque su strade, piazze e marciapiedi, creando sovente problemi alla deambulazione anche per le persone diversamente abili “.

” Occorre al riguardo – puntualizza Capodanno – una precisa regolamentazione con linee guida per coloro che utilizzano questi mezzi di locomozione, in particolare su come e dove parcheggiarli,  indicando altresì quelle aree dove non è possibile lasciarli in sosta. Bisogna inoltre, così come si sta pensando di fare in altre città, come Roma e Milano, che manifestano lo stesso tipo di problema, realizzare degli stalli dedicati ai monopattini, con un’apposita applicazione che possa indicare all’utente in quali zone sia possibile parcheggiare, anche al fine di semplificare la tracciabilità “. Bisogna altresì evitare la concentrazioni di questi mezzi, indicando, nell’emanando regolamento, anche limiti, distanze e modalità d’utilizzo “.

Sulla questione Capodanno richiama, ancora una volta, l’attenzione degli uffici preposti.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]