Napoli, le misure per assistere le persone in situazione di fragilità sociale

Condividi

Incontro in prefettura per definire gli interventi per l’emergenza COVID-19

Assistere nell’emergenza le persone in situazione di fragilità sociale. La questione è stata affrontata nell incontro tenutosi oggi pomeriggio nella prefettura di Napoli.

Nella riunione convocata dal prefetto Valentini sono state messe a punto le misure per il reperimento di strutture alloggiative, in questo momento di emergenza per l’epidemia di Covid-19 e per il brusco calo delle temperature. La necessità di assistenza riguarda circa 1500 homeless sul territorio cittadino.

L’obiettivo comune è di assicurare, attraverso idonee misure di sostegno, il rispetto delle regole per contenere il contagio da coronavirus anche di questa fascia della popolazione, tenuto anche conto delle avverse condizioni meteo di questi giorni.

Alla fine di questa settimana un nuovo incontro sarà l occasione per un primo resoconto delle attività messe in campo.

napoli_3

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]