Napoli: Controlli “movida” e “Super Green pass”

Condividi
Nell’ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida” e nei controlli sul possesso del “green pass” al porto, all’aeroporto, alla Stazione Centrale e nelle aree di servizio della Tangenziale di Napoli. , ieri gli agenti del Commissariato Decumani, i militari dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, gli agenti della Polizia Locale e personale dell’ Asl Napoli1, con il supporto dei Nibbio dell’ Ufficio Prevenzione Generale e degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Campania, hanno effettuato controlli nel centro storico.
Nel corso dell’attività sono state identificate 216 persone, rimosse 20 autovetture per sosta vietata e 5 sottoposte a sequestro amministrativo; sono state altresì contestate 50 violazioni del Codice della Strada per divieto di sosta, mancata copertura assicurativa e per guida di veicolo già sottoposto a fermo amministrativo.
Gli operatori hanno controllato 28 esercizi commerciali nei quali è stato verificato il possesso della certificazione verde (c.d. #greenpass) per 169 avventori, e hanno sanzionato il titolare di un bar in via Carrozzieri a Monteoliveto poiché ha consentito l’accesso all’interno dell’attività omettendo la verifica del possesso del “green pass”. Inoltre, personale dell’ASL ha sanzionato i titolari di 4 esercizi commerciali, tre dei quali in via dei Tribunali e uno in via Vallone Tribunali, per mancata compilazione del manuale HACCP (cd. manuale di autocontrollo) ed uno anche per carenze igienico-sanitarie; sono stati sanzionati, altresì, i titolari di un bar e di una trattoria in via dei Tribunali per carenze igienico-sanitarie; per quest’ultimo esercizio è stata disposta la sospensione dell’attività per mancanza dei servizi igienici.
Infine, ad alcuni dei locali controllati sono state imposte 82 prescrizioni elevando sanzioni per un totale di 11000 euro.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]