Napoli, Cirielli (FdI): “Chiarezza su operato Manfredi, cittadini non si affidino a persona sbagliata”

Condividi

“Presenterò un’interrogazione parlamentare per accertare eventuali anomalie nella gestione del professore Gaetano Manfredi quando ricopriva l’incarico di Rettore dell’Università “Federico II” di Napoli”. Lo annuncia, in una nota, il Questore della Camera e deputato campano di Fratelli d’Italia Edmondo Cirielli: “In particolare – a seguito di un’inchiesta pubblicata da Panorama – chiederò di sapere se sia vero e nel caso per quali responsabilità, durante il suo mandato, la società partecipata “Campania NewStell” (49% di quote dell’Ateneo, 51% della Fondazione Città della Scienza), che si occupa di innovazione tecnologica, avrebbe accumulato oltre un milione e mezzo di debiti. Stesso discorso, per la società Amra, nata nel 2005 come Centro regionale di competenza analisi e monitoraggio del rischio ambientale, che è stata messa in liquidazione – sempre durante il Rettorato di Manfredi – con un 1,8 milioni di euro di debiti. Non solo. Sarebbe opportuno, inoltre, fare chiarezza in merito ad alcune nomine (come quelle del vice presidente di Campania NewSteel Vincenzo Lipardi e dello stesso presidente Giorgio Ventre – come richiesto formalmente già dal commissario di Città della Scienza Giuseppe Albano – su cui aleggia l’ombra di un possibile conflitto d’interessi. Chi, come il professore Manfredi, si candida a guidare una città come Napoli e viene incensato quotidianamente da Pd e M5S per le sue capacità amministrative, dovrebbe dare conto del suo operato senza nascondere nulla, soprattutto ai cittadini che meritano di conoscere la verità. Napoli deve essere amministrata da chi, come il magistrato Catello Maresca, ha dimostrato serietà e professionalità nel proprio lavoro, senza avere su di sé alcun sospetto. I napoletani non corrano il rischio di affidarsi, ancora una volta, alla persona sbagliata” conclude Cirielli. 

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]