Napoli, analisi del prefetto su sicurezza e ordine pubblico del territorio

Condividi

Valentini: l’azione di contrasto alla camorra priorità mia personale e di tutta la prefettura

Pochi giorni a Ferragosto e il dispositivo di sicurezza, potenziato dalla prefettura di Napoli per intensificare i controlli e la presenza delle Forze dell’ordine sul territorio, è già operativo. Tra le principali aree di intervento, porti, aeroporti, stazioni, autostrade, emergenza incendi. Ma non solo. Il prefetto di Napoli Marco Valentini, in un’intervista rilasciata a “la Repubblica”, torna a parlare del suo impegno quotidiano nella lotta alla criminalità organizzata.

«L’azione di contrasto alla camorra – afferma il prefetto – è la prima priorità mia personale e di tutta la prefettura. Lo testimoniano l’impegno straordinario delle Forze dell’ordine, le azioni in materia di misure interdittive, di utilizzo dei beni confiscati e di rimozione di murales e altarini, gli accessi antimafia nei comuni e gli scioglimenti. È stato messo in campo un forte impegno anche sul tema della circolazione delle armi e del loro utilizzo soprattutto da parte dei minori».

Altro argomento all’attenzione del prefetto è la sicurezza degli ospedali. «Non è la prima volta che le strutture sanitarie sono oggetto di aggressioni e di danneggiamenti. Da tempo è in corso un’attività per innalzare il livello di sicurezza anche utilizzando le tecnologie più avanzate. Certo che se arrivano gruppi di esagitati, la questione cambia. Diventa necessario un intervento adeguato da parte delle Forze dell’ordine».

Un Ferragosto che si preannuncia “caldo” anche sul fronte dei controlli e della sicurezza delle spiagge e sull’utilizzo del Green pass. Sul primo, ricorda Valentini, «proprio ieri il ministero dell’Interno ha dato notizia di un importante stanziamento, 9,2 milioni per la sicurezza urbana nei comuni. Di questi, 2,1 milioni sono per il progetto “Spiagge sicure”, ripartiti con l’assegnazione di un contributo fisso di 21.000 euro a 100 comuni litoranei, tra cui diversi della Campania». Sul Green pass, invece, «la circolare ministeriale è chiara», precisa il prefetto. «Le polizie municipali e le forze dell’ordine potranno agire per i controlli di loro competenza e per l’irrogazione, quando necessario, delle relative sanzioni. Non si tratta, com’è evidente, di assumere indirizzi ottusamente punitivi, quanto piuttosto di sensibilizzare alla collaborazione nel rispetto delle norme, utili a salvaguardare la salute di ciascuno».

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]