Mostra su Battistello Caracciolo il patriarca bronzeo dei Caravaggeschi

Condividi

Dal 9 giugno 2022

Il patriarca bronzeo dei Caravaggeschi: Battistello Caracciolo (1578-1635)

a cura di Stefano Causa e Patrizia Piscitello

Museo e Real Bosco di Capodimonte, sala Causa (ore 11.30 conferenza stampa e inaugurazione)

Palazzo Reale di Napoli, sala del Gran Capitano (ore 17.00 – inaugurazione)

Certosa e Museo di San Martino, Chiesa e Quarto del Priore (ore 18.30 – inaugurazione)

Il Museo e Real Bosco di Capodimonte presenta in sala Causa la mostra su Battistello Caracciolo (Napoli, 1578-1635) artista che più di altri ha incarnato gli insegnamenti di Caravaggio, al punto da ottenere la definizione di “patriarca bronzeo dei Caravaggeschi” dallo storico dell’arte e critico Roberto Longhi.

L’esposizione, a cura di Stefano Causa e Patrizia Piscitello, nasce dall’idea di Sylvain Bellenger, direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte, con la collaborazione istituzionale di Mario Epifani, direttore del Palazzo Reale di Napoli e di Marta Ragozzino, direttrice regionale dei Musei della Campania. In queste altre due sedi sono presenti opere di Battistello in un percorso espositivo legato a Capodimonte, anche attraverso una bigliettazione congiunta per tutta la durata della mostra fino al 2 ottobre 2022.

In sala Causa al Museo e Real Bosco di Capodimonte sono allestite quasi 80 opere, molte delle quali provenienti da istituzioni pubbliche, italiane ed estere, enti ecclesiastici e privati collezionisti (ore 11.30 conferenza stampa e inaugurazione), al Palazzo Reale di Napoli sarà possibile visitare la sala del Gran Capitano affrescata da Battistello Caracciolo (ore 17.00 inaugurazione) mentre alla Certosa e al Museo di San Martino il percorso di mostra si snoda tra il Quarto del Priore e la Chiesa (ore 18.30 inaugurazione).

La stampa è invitata a seguire i vari momenti inaugurali, nei quali saranno presenti i direttori e i curatori.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]