Mostra fotografica e consegna diploma d’onore soldato Tirozzi Tommaso: il 25 aprile a Cesa

Condividi

Caserta, 24 apr. – Il Comune di Cesa e l’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci celebrano il 25 Aprile presentando una raccolta fotografica sui soldati Cesani dei due Conflitti mondiali. Presso la casa Canonica, sita in piazza De Michele, sarà inoltre ricordato il soldato Tommaso Tirozzi, con la consegna della documentazione sull’attuale luogo di sepoltura del soldato Cesano al nipote Filippo Tirozzi. L’appuntamento è alle ore 11.30 con l’inaugurazione della mostra e la consegna del diploma di onore ai famigliari del soldato caduto e dispero durante la Seconda Guerra Mondiale.

NARDONE

Il Ministero della Difesa, in merito a quanto richiesto dall’Associazione Nazionale e Combattenti della sezione di Cesa, concludendo le necessarie verifiche effettuate negli archivi del Commissario Generale, ha comunicato che il soldato Tommaso Tirozzi, effettivo al 39° reggimento Fanteria della Divisione Bologna, è deceduto il 5/04/1942 a Tobruk ed è qui sepolto. Successivamente è stato esumato, traslato e sepolto al Sacrario Militare di Tripoli da dove, negli anni 70’, i suoi Resti mortali sono stati ulteriormente esumati, traslati e sistemati definitivamente nel Sacrario Militare caduti d’Oltremare di Bari (sett.18, fila D10), dove attualmente riposano.

Questo evento – spiega il presidente dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci di Cesa Francesco Marinoè un’occasione per continuare a mantenere vivo il ricordo dei combattenti Cesani e rendere il giusto riconoscimento a coloro che hanno perso la vita per la loro Patria, come nel caso del soldato Tirozzi. Per questi, fino a poco tempo fa, non vi era conoscenza del luogo della sua sepoltura”. “Tale obbiettivo – continua Marino – è stato raggiunto solo tramite l’impegno e la tenacia perseguita dal direttivo dell’associazione coordinato da Domenico Oliva, dal ricordo mai abbandonato del sig. Filippo Tirozzi e dal Comune di Cesa, che ha dimostrato sensibilità dimostrata per queste iniziative”.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]