Minaccia con coltello personale vigilanza discoteca. Arrestato

Condividi

Un giovane che infastidiva gli avventori all’interno di una nota discoteca di Pozzuoli, ha minacciato con un coltello il personale addetto alla vigilanza che lo aveva allontanato. Il giovane una volta allontanato dal locale vi ha fatto ritorno con un coltello che custodiva nella propria auto ed ha cominciato a minacciare i buttafuori, tentando di aggredirli. Non c’è riuscito perché impedito da alcuni clienti che hanno assistito alla scena, anzi si è ferito ad un dito. All’arrivo dei carabinieri della stazione di Pozzuoli, chiamati dai presenti, il giovane si è rivoltato contro con minacce e spintoni. Dopo qualche momento di tensione, i militari sono riusciti a  bloccarlo e ad arrestarlo  con l’accusa di violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale. Completate le formalità di rito, questa mattina, è stato giudicato con rito direttissimo presso il tribunale di Napoli e condannato a 10 mesi di reclusione con sospensione condizionale della pena.

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]