Migranti, Sea-Watch: “Lasciati morire nel giorno di Pasqua”

Condividi

Numerose persone sarebbero morte in mare in seguito al naufragio tra Malta e Tripoli.

 

NARDONE

Era stata Sea Watch a chiedere l’intervento del Commissario europeo per i diritti umani “per chiarire che i diritti delle persone salvate in mare devono essere garantiti a prescindere da quale sia la nave che li soccorre”. L’Ong ha quindi spiegato che l’agenzia europea Frontex ha oggi segnalato i barconi in mare, di cui uno capovolto.

“Lasciati morire soli nel giorno di Pasqua da un’Europa che parla a vuoto di solidarietà verso le persone che soffrono”: il commento di Sea Watch.

Anche Carola Rackete, su Twitter, è intervenuta sulla questione,:

“C’è una barca che affonda nella zona di salvataggio maltese. Una barca è già affondata prima di oggi. Le autorità dell’UE lo sapevano da ieri e hanno deciso di non fare nulla. Anche questa barca affonderà, se nessuno verrà in loro soccorso in questo momento. Vergognati, Europa”.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]