Migranti, la Ong Mediterranea forza il blocco ed entra nel porto di Lampedusa

Condividi

Salvini: “Complici dei trafficanti”

Dopo una notte di febbrili trattative, di proposte e controproposte, di accordi che sembravano raggiunti e di improvvisi dietrofront, la barca a vela Alex della della rete di associazioni Mediterranea ha deciso di forzare il blocco e di entrare in acque territoriali italiane attraccando nel porto di Lampedusa, violando così il divieto imposto dal ministro dell’interno Matteo Salvini in forza del cosiddetto Decreto sicurezza-bis.

NARDONE

Dopo una notte di febbrili trattative, di proposte e controproposte, di accordi che sembravano raggiunti e di improvvisi dietrofront, la barca a vela Alex della della rete di associazioni Mediterranea ha deciso di forzare il blocco e di entrare in acque territoriali italiane attraccando nel porto di Lampedusa, violando così il divieto imposto dal ministro dell’interno Matteo Salvini in forza del cosiddetto Decreto sicurezza-bis.

La situazione ha provocato nuovamente l’ira del vicepremier Salvini: “La nave dei centri sociali, che a quest’ora sarebbe già arrivata a Malta, che aveva dato la disponibilità di un porto sicuro, infrange la legge, ignora i divieti ed entra in acque italiane. Vediamo se anche in questo caso la giustizia tollererà l’illegalità: in un Paese normale arresti e sequestro della nave sarebbero immediati. Questi non sono salvatori, questi sono complici dei trafficanti di esseri umani”.

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]