Mes. Zinzi (Lega): “Danno per l’Italia, beffa per la Campania”

Condividi

“Il MES non è solo un danno per l’Italia ma è anche una beffa per la Campania. Le bozze del Ministero della Salute sulla ripartizione dei fondi prospettano una situazione del tutto iniqua e fortemente penalizzate per tutte le regioni del Sud, Campania in testa”.

NARDONE

Lo scrive in una nota il consigliere regionale della Lega, Gianpiero Zinzi.

“Il MES è debito sulle spalle delle future generazioni che condizionerebbe l’Italia alla volontà di Bruxelles, tanto che ad oggi nessun Paese ha intenzione di farvi ricorso. Ma altrettanto incredibile – continua Zinzi – è il modo con cui il Governo pensa di destinare queste risorse: la Campania, terza per popolazione, sarebbe soltanto sesta per finanziamenti, e questo nonostante rappresenti l’ultima a livello nazionale per importi erogati con il Fondo Sanitario nazionale. La nostra sanità paga già i ritardi e i limiti accumulati in questi anni con la cattiva politica della giunta De Luca. Ma per PD e Cinque Stelle i campani devono restare come cittadini di serie B. Da un lato ci tolgono le risorse, dall’altro saremo comunque chiamati a onorare un debito dai contorni oscuri e che rischia di essere una mannaia sulla testa di tutti gli italiani. Tutto questo è semplicemente inaccettabile”.

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]