McDonald’s cerca 105 persone nella provincia di Napoli

Condividi

Un piano di crescita che prevede l’assunzione di 5.000 persone in tutta la Penisola: 105 le figure da inserire in organico nei suoi ristoranti di Napoli (36), Pompei (25), Villaricca (2), Casoria (4), Pomigliano D’Arco (1), Melito di Napoli (3), Afragola (1), Quarto (6), Giugliano (2), Torre Annunziata (25).

 

Napoli, 3 marzo 2022 – McDonald’s cerca 105 nuovi candidati da inserire nei ristoranti della provincia di Napoli, in particolare 36 in città, 25 a Pompei, 2 a Villaricca, 4 a Casoria, 1 a Pomigliano D’Arco, 3 a Melito di Napoli, 1 ad Afragola, 6 a Quarto, 2 a Giugliano, 25 a Torre Annunziata. Posizioni che rientrano nel piano di crescita nazionale, che prevede quest’anno l’assunzione di 5.000 nuove persone in tutta Italia.

Voglia di mettersi in gioco, capacità di lavorare in squadra e a contatto con i clienti, rappresentano alcune delle principali caratteristiche che l’azienda ricerca nelle persone che lavorano nei suoi ristoranti. McDonald’s offre un’opportunità di lavoro concreta, grazie a contratti stabili (che rappresentano il 92% del totale) e possibilità di crescita professionale rapida. Entrare in McDonald’s significa lavorare in un contesto dalla forte identità di gruppo, giovane, inclusivo e meritocratico, capace di garantire a tutti i dipendenti le medesime opportunità. 

È possibile inviare la propria candidatura direttamente sul sito (McDonald’s.it), attraverso la compilazione di un questionario circa diverse tematiche, tra cui la disponibilità oraria e il tipo di mansioni a cui si è interessati e il caricamento del CV. I candidati ritenuti idonei verranno contattati da McDonald’s e invitati a un colloquio individuale, che sarà anche l’occasione per ottenere tutte le informazioni sull’azienda e sul lavoro in McDonald’s.

Per ulteriori informazioni sul lavoro in McDonald’s visitare la sezione “Entra nel Team“, per candidarsi visitare il sito a questo link.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]