Matteo Messina Denaro è stato arrestato, Meloni: andrà al carcere duro

Condividi

Matteo Messina Denaro è stato arrestato dopo una latitanza di 30 anni. E la cattura del boss mafioso è arrivata a 30 anni esatti dall’arresto di Toto Riina, preso il 15 gennaio 1993.

Una latitanza record quella di Messina Denaro. Trent’anni trascorsi sotto traccia prima dell’arresto di oggi da parte dei carabinieri del Ros in una clinica privata di Palermo dove si era recato per effettuare alcune terapie. L’ex Primula rossa, indicato dall’Europol nel 2016 tra i latitanti più pericolosi d’Europa, dopo l’arresto di Totò Riina e Bernardo Provenzano, era ritenuto capo di Cosa nostra, ultimo grande latitante di mafia.

Figlio del capomafia di Castelvetrano, Francesco Messina Denaro e alleato dei corleonesi già dalla guerra di mafia dei primi anni ’80, nel 1992 fece parte del gruppo di fuoco scelto per uccidere Giovanni Falcone e il ministro Claudio Martelli, usando kalashnikov, fucili e revolver, che lui stesso aveva procurato. Lo stop all’attentato a Roma fu dato da Riina, che decise che il magistrato dovesse essere ammazzato a Palermo.

L’ex super latitante è stato condannato all’ergastolo per gli omicidi, tra l’altro, del piccolo Giuseppe Di Matteo, sequestrato per costringere il padre Santino a ritrattare le sue rivelazioni sulla strage di Capaci, strangolato e poi sciolto nell’acido; e per le stragi del 1992 costate la vita a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Un ruolo importante ‘U siccu’ e ‘Diabolik’ come venne soprannominato lo ebbe anche nelle stragi del 1993 in Continente per le quali è stato condannato all’ergastolo. Dopo l’arresto di Riina, Messina Denaro fu favorevole alla continuazione della strategia stragista. La sua lunga latitanza inizia nell’estate del 1993, quando nei suoi confronti viene emesso un mandato di arresto. Fu, però, solo nel gennaio del 1996 con l’operazione ‘Omega’ dei carabinieri che emerse il suo ruolo di primo piano all’interno di Cosa nostra trapanese grazie anche alle dichiarazioni dei pentiti che ricostruirono 20 anni di omicidi.

Nel 2000, al termine del maxi processo ‘Omega’ nato proprio da quel maxi blitz e che si celebrò nell’aula bunker del carcere di Trapani, che Messina Denaro venne condannato in contumacia alla pena dell’ergastolo. Negli anni gli investigatori hanno stretto il cerchio attorno all’ormai ex superlatitante, arrestando fiancheggiatori, prestanomi e uomini a lui vicini. Oggi, dopo 30 anni, e all’indomani dell’anniversario dell’arresto di Totò Riina, la fine della sua latitanza.

Meloni: andrà al carcere duro

Teorie cospirazioniste sull’arresto di Matteo Messina Denaro? “Le ho sentite e davvero non riesco a capire”, risponde il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ospite di ‘Quarta Repubblica’ su Rete 4. “Il primo provvedimento in assoluto assunto da questo governo è la difesa del carcere ostativo. Matteo Messina Denaro – rimarca Meloni – andrà al carcere duro perché quell’istituto esiste ancora grazie a questo governo. Quindi qualcuno dovrebbe spiegarmi su che cosa si sarebbe fatta una eventuale trattativa”.

“Si dice” che Matteo Messina Denaro sia stato trovato “praticamente a casa sua. Ma questa è la storia di tutti i grandi latitanti di mafia: è più facile che riescano a nascondersi, dove sono cresciuti, anche perché di solito c’è una maggiore conoscenza del territorio ma anche una maggiore disponibilità a trovare qualcuno che ti dia una mano a far perdere le tue tracce”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]