Mattarella convoca Conte al Quirinale

Condividi
Giuseppe Conte, indicato da Lega ed M5s come premier del governo giallo-verde, è salito alle 17.30 al Quirinale. Il professor Giuseppe Conte è arrivato in taxi per incontrare il presidente Sergio Mattarella in vista di un possibile incarico per formare il nuovo governo. Il giurista designato da M5S e Lega da solo si è incamminato all’ingresso, salutando i cronisti e alcuni cittadini che lo hanno applaudito.
In mattinata nuovo faccia a faccia tra i due leader Matteo Salvini e Luigi Di Maio prima della convocazione. Un incontro durato circa un’ora. Sempre in mattinata su espressa domanda della Presidenza della Repubblica, i due hanno confermato la proposta di conferimento dell’incarico per la formazione del governo al professor Giuseppe Conte.
Il presidente Mattarella per giorni ha insistito sull’urgenza di formare un governo nella pienezza delle sue funzioni. Ebbene, finalmente, una maggioranza si è formata” per “un governo capace di ristabilire un principio sacrosanto in democrazia: il primato della politica sulla finanza. Mi rendo conto che ristabilire questo principio possa far paura a qualcuno, ma non dovrebbe intimorire chi ha l’onore di rappresentare l’unità nazionale”. Lo afferma in un post su Facebook Alessandro Di Battista del M5S.
Il Movimento 5 stelle fa quadrato intorno al premier indicato ieri. “Non c’è nessun ripensamento sul nome di Conte. Nei suoi confronti c’è una violenza inaudita…si chiama opera di piccionatura, proprio per questo non molliamo. Conte è una brava persona e ha la mia solidarietà”, dice Luigi Di Maio alle telecamere, uscendo da Montecitorio. “Con la Lega siamo allineati” sul nome di Conte, sottolinea.
nche la capogruppo alla Camera Giulia Grillo assicura che Conte resta il candidato alla presidenza del Consiglio del governo giallo-verde: “Ci mancherebbe altro!”. La deputata si è invece detta “dispiaciuta” per la “macchina del fango” che è stata messa in moto nei suoi confronti.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]