Marysthell Polanco: “ad Arcore ragazze tutte rifatte, anche il sedere”

Condividi

NARDONE

“Berlsuconi mia manca tanto ma ognuno ha la sua vita”

Roma, 22 mar. – Ve la ricordate l’Olgettina Marysthell Polanco? Bene, si è messa a cantare. Il suo pezzo si chiama Tu estas hecha, ossia tu sei rifatta, ed è l’apoteosi del trash latino. E Marystell ha presentato il suo brano a M20, dove si è prestata ad alcuni aneddoti interessanti.
Si parte dalle notti di Arcore dove, rivela, “molte ragazze si vantavano di essere naturali ma erano tutte rifatte, persino i loro culi erano finti”, afferma. Dunque specifica: “Nella canzone invoco anche un fantomatico Papi. Ma non mi rivolgo al mio amatissimo Silvio (Berlusconi, ndr). Ormai con lui non ci sentiamo più. Le nostre strade al momento si sono separate. Mi manca tanto ma ognuno ha la sua vita”.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]