Mappa contagi, Campania resta in zona gialla

Condividi

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ha aggiornato la mappa dei contagi di nuovo coronavirus in Europa alla data del 25 novembre, certificando un ulteriore peggioramento della situazione in tutto il continente rispetto alla rilevazione della settimana precedente.

Non fa eccezione l’Italia, dove è sparita l’ultima zona verde superstite (la Sardegna, passata in zona arancione) e in cui si è aggravata la situazione in diverse altre regioni: è il caso del Friuli-Venezia Giulia, passata da zona rossa a zona rosso scuro (la più preoccupante, dove il virus Sars-Cov-2 sta circolando a livelli molto elevati), che si è aggiunta alla provincia autonoma di Bolzano, già in zona rosso scuro da una settimana.

Ma secondo l’Ecdc è cresciuto anche il numero di zone rosse italiane: a Veneto e Marche, che già erano classificate in quella fascia dalla rilevazione precedente, si sono aggiunte anche Valle d’Aosta, provincia autonoma di Trento, Liguria, Lazio ed Emilia-Romagna; resta in zona gialla la Campania che si trova ora in fascia di rischio moderato (tra i 75 e i 200 casi di Covid ogni 100mila abitanti).

Anche nel resto d’Europa, nel frattempo, la situazione dei contagi è peggiorata, con la mappa dell’Ecdc che continua purtroppo a contraddistinguersi per la presenza di tantissimi territori nazionali ancora in zona rossa, se non addirittura in zona rosso scuro.

Si segnalano, in negativo, molte nazioni interamente in rosso scuro: l’Islanda, l’Irlanda, il Belgio, i Paesi Bassi, il Liechtenstein, la Danimarca, le tre repubbliche baltiche (Estonia, Lettonia e Lituania), la Repubblica Ceca, la Slovacchia, l’Austria, l’Ungheria, la Slovenia, la Croazia e la quasi totalità della Grecia (ad eccezione di qualche isola).

È quasi completamente colorata in rosso scuro (e per il resto in rosso) la Polonia, mentre la Germania si divide quasi a metà tra regioni rosse e regioni rosso scuro; hanno alcune regioni (ma non la maggioranza) contrassegnate dal colore rosso scuro anche la Norvegia e la Bulgaria, con il resto dei rispettivi territori nazionali in zona rossa.

Zona rossa integrale, invece, in Finlandia, in Svezia (eccezion fatta per una sola regione centrale del paese scandinavo in zona arancione), in Portogallo, in Lussemburgo, in Francia (ad eccezione di una sola regione nel nord del paese, in zona arancione), in Romania, a Cipro; per lo più in zona rossa, invece, la Spagna, con quattro regioni in zona arancione.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]