Manovra 2023 è legge

Condividi

Meloni: “Manovra figlia di scelte politiche”

Scarica la Legge di Bilancio 2023

Con 107 sì, 69 no e un’astensione l’aula del Senato ha votato a favore della fiducia posta dal governo sulla manovra 2023, approvandola così definitivamente. “Sono soddisfatto di questa prima manovra economica. La considero una missione compiuta. Scritta in tempi record e in una situazione di contesto eccezionale non positivo, il bilancio che abbiamo presentato rispetta gli impegni presi con gli elettori e ha maturato prima la fiducia dei mercati e delle istituzioni europee e ora ancora piu importante, quella del Parlamento. Prudenza, coerenza e responsabilità costruiscono fiducia. Avanti così”, sottolinea in una nota il ministro dell’economia Giancarlo Giorgetti .

“Ringrazio tutte le persone che mi hanno supportato – prosegue – in questo breve e intenso percorso: credo che gli effetti di questa manovra si vedranno nel tempo. È un testo coraggioso con uno sguardo al futuro e alla costruzione di un nuovo assetto sociale che privilegia e tutela i figli e le nuove generazioni senza trascurare la stabilità dei conti pubblici”

Giorgia Meloni: La legge di bilancio è stata approvata in Cdm “in un’ora. Ho fatto parte di altri governi e ricordo dibattiti molto più articolati e accesi. Era una legge di bilancio che non lasciava molto alle legittime rivendicazioni dei ministri”. Abbiamo messo “tutte le risorse che avevamo sulle grandi misure a cui volevamo dedicarci”, ha rimarcato Meloni, sottolineando il fatto “che la manovra è stata approvata un giorno in anticipo rispetto agli ultimi due anni”.

“Mi fido dei miei alleati al governo. Al di là di dibattiti naturali all’interno di una maggioranza in cui ci sono più partiti, c’è una visione comune”, risponde il premier. Nella maggioranza “ci sono sfumature diverse, è normale ci sia un dibattito” ma “per me contano molto i fatti”, sottolinea. “La volontà è di lavorare bene e mantenere gli impegni. Trovo un clima assolutamente positivo all’interno della maggioranza, non posso lamentarmi e non lo dico per fatto dovuto”, aggiunge la presidente del Consiglio.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]