Magistratura e il velo di ipocrisia attorno al “sistema”

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

Per la mia rubrica IL Personaggio sono lieta di ospitare il dott. Luca Palamara.
La legge non ha un valore morale automatico: essa vale nella misura in cui esprime e traduce, in modo corretto, dei valori morali. Sicché eventuali leggi che non fossero in sintonia con l’orizzonte etico fondamentale, si esautorerebbero da sé, il dovere morale sarebbe non la loro osservanza, ma la loro contestazione.
“Quando ho toccato il cielo, il Sistema ha deciso che dovevo andare all’inferno”.
Luca Palamara

NARDONE

 

D. Il Giudice di Perugia ha dichiarato inutilizzabili le intercettazioni del trojan che vede imputato lei e l’ex PM di Roma Stefano Fava. Questa cosa potrebbe avere un’implicazione sulla sua radiazione?

R. “Beh io mi attengo ai fatti e a quello che mi è accaduto. Sui fatti sulle vicende processuali comunque continuerò la mia battaglia in ogni sede anche in Europa.

 

D. C’è la possibilità di un seguito del fortunato libro ‘Il sistema’?

R..”Le storie del Sistema sono tantissime perché vanno avanti da decenni. Le correnti non le ha certo inventate Palamara. La magistratura nella sua autonomia ha tutto il diritto di autodeterminarsi nei suoi livelli di rappresentanza. Il punto e’ la degenerazione della esperienza correntizia che è sfociata purtroppo in carrierismo e corsa alla Visibilità’. Insomma materiale per scrivere un secondo volume c’è’ tutto. Vedremo anche con Sallusti”.

 

D. La sua contestazione ai PM di Perugia che avevano avevano utilizzato un trojan  che trasferiva i dati non nel luogo in cui era stato autorizzato (un server a Roma), ma in un server a Napoli.

R. “È gravissimo che si sia scoperto che il trojan trasferiva i dati in un server a Napoli. Non ci sono garanzie su nulla. È sicuramente un tema da affrontare”.

 

D. ‘Così fan tutti’ il titolo di un capitolo de ‘Il sistema’. Cosa significa?

R. “Parliamo anche della regola del ‘3’.

Una coltre di ipocrisia si deposita come una cappa sulla magistratura. Ecco io credo col mio libro di essere riuscito a squarciare il velo di ipocrisia che sta attorno al Sistema”.
Ringrazio il dott. Luca Palamara per la piacevole conversazione e per il prezioso contributo.

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.