M5S, Saiello: “Whirlpool, sosterremo qualunque iniziativa a tutela dei lavoratori”

Condividi

Il consigliere regionale a Canale 21 a poche ore dal tavolo con l’azienda che ha offerto di rilevare il sito di via Argine: “Stop alle delocalizzazioni di aziende in Campania”.

“La vertenza Whirlpool è l’emblema di un fenomeno di delocalizzazioni di siti produttivi e multinazionali, che caratterizza da anni in particolar modo la Campania. Da anni assistiamo alla fuga di aziende, senza che vi siano fallimenti in vista né che si registrino trend negativi che costringono a cambiare la strategia produttiva. Vanno via realtà sane e il caso Whirlpool è ancor più grave in quanto in violazione di un accordo stipulato nel 2018 con il Governo. A nulla sono valsi l’impegno e il lavoro straordinario che abbiamo portato avanti negli anni con i ministri Di Maio, Patuanelli e con la viceministra Todde. Al management Whirlpool abbiamo offerto incentivi e soluzioni di ogni tipo, ma abbiamo sempre trovato la porta chiusa”.  È quanto ha dichiarato il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle e presidente della Commissione speciale Innovazione e Industria 4.0 Gennaro Saiello, intevenendo allo Speciale tg Canale 21.

NARDONE

“Nelle prossime ore – ha ricordato Saiello – ci sarà un tavolo al Mise, convocato dalla viceministra Todde, con la dirigenza di un’azienda che ha manifestato l’intenzione di assorbire il sito produttivo di via Argine, garantendo continuità occupazionale a tutti i 350 lavoratori. Auspichiamo che si tratti di un’offerta concreta e che, oltre a garantire gli attuali livelli occupazionali, salvaguardi anche l’indotto. Da parte nostra siamo pronti, a ogni livello istituzionale, a sostenere qualunque iniziativa che vada nella direzione di salvare un sito che, per produttività ma soprattutto per la grande professionalità di ogni singolo lavoratore, rappresenta un’eccellenza per il nostro territorio”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]