M5S, Saiello: “10 milioni per adeguare gli impianti sportivi della Campania”

Condividi

Il presidente della IV Commissione speciale rende nota la graduatoria del bando “Sport e Periferie”: “Provvedimento fondamentale in regione al penultimo posto per palestre negli istituti scolastici”

“Oltre 10 milioni di euro per adeguare e ripristinare gli impianti sportivi nei comuni della Campania e le palestre in molte scuole del territorio regionale. È la quota destinata agli istituti della nostra regione nell’ambito del bando “Sport e Periferie”, istituito dal Governo per realizzare interventi edilizi nell’ambito dell’impiantistica sportiva. Un’iniziativa fondamentale in una regione come la nostra, al penultimo posto nel Paese per dotazione di palestre nelle scuole e dove lo sport, soprattutto in molte realtà difficili, rappresenta un sano presidio di legalità. Basti pensare che solo il 25% dei nostri istituti scolastici ne è dotato, sebbene abbiamo il record nazionale per obesità infantile. Destinatari del finanziamento in Campania – rivela Saiello – sono i comuni di Anacapri (700.000), Scisciano (700.000), Pozzuoli (691.000), Palma Campania (700.000), Ischia (627.807), Agerola (454.000), Grumo Nevano (700.000), Torre Annunziata (699.872), Sorrento (613.967), Casoria (700.000), Lacco Ameno (549.417), Qualiano (552.000), Casoria (699.994), e realtà sportive come il Club Sportivo Universitario Napoli 258.877), il Centro Ester (680.306) e Mascalzone Latino Sailing Team (387.267)”. Lo annuncia il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle e presidente della Commissione speciale Innovazione Gennaro Saiello.

NARDONE

“Ringrazio l’ex ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, che ha fortemente voluto questo provvedimento, grazie al quale possiamo garantire un presidio di legalità in molte realtà disagiate e dare ai nostri giovani l’opportunità di crescere attraverso i valori dello sport”.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]