Luigi Tuccillo sbarca a Hollywood, è al cinema protagonista di “Audio”

Condividi

La premiere al Chinese Theater di Los Angeles il 26 febbraio

Napoletano classe 77 è attualmente sul set Rai in “L’ultimo spettacolo”

Un viaggio sensoriale di musica elettronica, sound design ipnotico. Verrà proiettato il 26 febbraio al Chinese Theater di Los Angeles il film “Audio” di Jimmy Nickerson con protagonista l’attore italiano Luigi Tuccillo, selezionato al Golden State Film Festival.

Tuccillo è Cal, lo stoico proprietario della discoteca Electric Fever, luogo in cui si svolge la vicenda dove un osservatore silenzioso deve prendere una posizione quando un bullo spacciatore di droga minaccia la sua relazione in erba. L’opera utilizza un’estetica da fumetto altamente stilizzata per mettere lo spettatore nel mondo del suo silenzioso protagonista in questa dolce e universale storia di formazione.

Girato su pellicola 16 mm e caratterizzato da una colonna sonora elettronica completamente originale che pulsa attraverso le cuffie del protagonista e negli ambienti strutturati del film, “Audio” è un’esperienza cinematografica altamente coinvolgente che colpisce i nervi e scorre attraverso le orecchie, gli occhi e il cuore del pubblico.

Napoletano classe 77, formatosi tra Roma e Los Angeles con diploma alla Lee Strasberg, ha lavorato tra gli altri per Gabriele Salvatores in “Fuori era primavera: Viaggio nell’Italia del lockdown”, al fianco di Owen Wilson nello spot del “Crodino” e di Luca Zingaretti nel “Commissario Montalbano”. Nel 2018 ottiene una nomination come miglior attore al Festival LadyFilmMakers di Beverly Hills per il suo ruolo protagonista nel pluripremiato cortometraggio italiano “Rapsodia in Blue”.

Tuccillo è attualmente impegnato sul set della nuova serie Palomar per Rai firmata da Maurizio De Giovanni “L’Ultimo Spettacolo” nel ruolo di “Massimo”.

Luigi Tuccillo
Luigi Tuccillo

Biografia. Dopo essere apparso in tv come coprotagonista negli spot Crodino al fianco dell’attore americano Owen Wilson, fa il suo esordio nel film Rai “Aldo Moro Il Professore” con Sergio Castellitto, e al cinema nel film “Troppa Grazia” con Alba Rochwacher ed Elio Germano. Si trasferisce a Los Angeles dove nel 2018 riceve la sua prima nomination di miglior attore protagonista al Festival LadyFilmMakers di Beverly Hills per il pluripremiato cortometraggio “Rapsodia in Blue” e si diploma alla Lee Strasberg. Produce lì il suo primo cortometraggio “Across Sagittarius Street” nel quale è l’attore protagonista. La sua carriera cinematografica continua negli Stati Uniti con il ruolo di Cal nel film americano “Audio” attualmente proposto nei maggiori festival internazionali. Rientra in Italia per il ruolo di Francesco Sabatello, protagonista della puntata “La Rete di protezione” film della celebre serie “Il Commissario Montalbano”. Nel 2020 la sua prima regia con il cortometraggio premiato “Un disegno di mamma”. Attualmente è “Massimo” sul set della nuova serie Palomar per Rai firmata da Maurizio De Giovanni “L’Ultimo Spettacolo”. È laureato in Giurisprudenza presso l’Università di Napoli “Federico II”, ha pubblicato un libro/documentario sulle Brigate Rosse “Sangue sulle città” e il romanzo “La colpa della verità”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]