Lo scapolo impenitente al Teatro Italia di Acerra

Condividi

Acerra – Domenica 17 ottobre 2021 debutta al Teatro Italia di Acerra (Na) lo spettacolo “Lo scapolo impenitente”, una commedia divertente in due tempi di Pasquale Forni per la regia di Ottavio Buonomo e prodotto da “Il Teatro di Ottavio”.

NARDONE

La commedia era già stata portata in scena nel 2014, con successo alla Sala Teatro Pier Paolo Pasolini di Casalnuovo di Napoli.

lo scapolo impenitente locandinaL’autore Pasquale Forni per Ottavio Buonomo ha scritto diversi successi come “La congiura di condominio”, “Il mondo è cambiato”, “Femmene, fatti e misfatti della Famiglia Fava e Ventresca” e il kolossal comico “8 X 1 = Un Ottavio” e vari spettacoli sul bullismo per le scuole.

In questa nuova edizione de “Lo scapolo impenitente” tanti validi attori come Peppe Carosella, Patrizia Masiello, Alberto Pagliarulo, Maria Straiano, Emma Avallone, Emmanuele Guadagni, Chiara Napolitano, Michele De Chiara, Gerardo Giugliano, Lucia Maisto e Giovanna Esposito.

Una commedia divertente, leggera, uno spettacolo che il pubblico aspettava di rivedere. Una storia semplice ma piena di spunti comici, di una comicità mai volgare e che il pubblico mostra sempre di apprezzare.

Ottavio Buonomo dice della commedia “E’ uno spettacolo che volevo portare in scena da un po’. Di nuovo. E l’ho messo a nuovo! Ho un cast di bravi attori, una bella squadra di tecnici. Mi fa piacere tornare alla commedia dopo varietà, one man show, trasmissioni televisive e programmi per il web. E’ una commedia in cui il pubblico ride (o dovrebbe) per un’ora e mezza ed oggi, di queste risate, non ne possiamo fare a meno. Sono necessarie. Ora in teatro hanno anche aumentato la capienza, quindi più ne siamo meglio è. Il Teatro è del pubblico. L’attore, senza pubblico, non può fare teatro. Quindi pubblico… pubblicatevi! Uscite dalle case, tornate nelle piazze e alle poltrone… dei Teatri! Vi aspettiamo! In tantissimi“.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]