“L’intelligenza artificiale nel controllo qualità per l’Industria 4.0 ”

Condividi

Confindustria Lecce, 13 ottobre 2022 – ore 16/18

 

Prosegue il ciclo di incontri tematici organizzati da Confindustria Lecce sulle tecnologie abilitanti e l’innovazione digitale delle imprese del territorio. Giovedì, 13 ottobre dalle ore 16.00 alle 18.00 presso la sede sociale di via Fornari n. 12, si terrà il seminario sul tema

“Soluzioni innovative per la produttività delle imprese”.

Nel corso dell’incontro verranno illustrate due applicazioni operative dell’Intelligenza Artificiale, la prima relativa al controllo qualità nelle imprese, la seconda relativa al supporto della gestione delle risorse umane.

Dopo i saluti e l’introduzione del presidente reggente di Confindustria Lecce Nicola Delle Donne, interverranno: Ivan De Masi, Reco Srl su “: L’intelligenza artificiale nel controllo qualità per l’industria 4.0”, con un approfondimento su un’applicazione condotta da Leonardo Spa che verrà illustrata dall’ingegnere Francesco Calabro, Leonardo Spa. A seguire, Gennaro Alessandro Persano, Weave S.r.l. su “dall’hrm al talent management”.

“L’innovazione tecnologia  – afferma il presidente reggente Nicola Delle Donne – costituisce una leva fondamentale per il cambiamento dell’approccio imprenditoriale e per favorire la transizione 4.0. L’introduzione di soluzioni innovative spinte, come la computer vision e l’intelligenza artificiale sta rivoluzionando i processi industriali, integrando il lavoro umano per aiutare e migliorare la produzione di beni. L’I.A. avrà un impatto decisivo anche sul fronte dei processi di gestione delle risorse umane. Come Confindustria Lecce intendiamo pertanto presentare ai nostri associati le innumerevoli opportunità offerte dalle nuove tecnologie, accompagnando così il sistema produttivo verso una nuova stagione di innovazione a 360 gradi”.

Per registrarsi: https://forms.gle/wrEaYBQXvKr4xALT9

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]