L’Esercito incontra i bambini a scuola

Condividi

I militari di Strade Sicure hanno organizzato una giornata di attività ludico-ricreative per gli alunni di una scuola primaria di Giugliano (NA)

I bambini di Giugliano hanno donato ai militari un libro sul Milite Ignoto disegnato da loro

 

3. La proiezione dei filmati istituzionaliNapoli, 3 dicembre 2021. Si è svolta ieri mattina, presso l’Istituto Scolastico “Eduardo De Filippo” di Giugliano in Campania (NA), una giornata di attività ludico-ricreative denominata “[email protected]”, rivolta alle classi della scuola primaria con lo scopo di raccontare ai piccoli alunni  le caratteristiche e le particolarità dell’Esercito Italiano.

L’iniziativa è stata pianificata e condotta dai militari del “Raggruppamento Campania” impegnati nell’ambito dell’Operazione “Strade Sicure/Terra dei Fuochi, al comando del reggimento “Cavalleggeri Guide (19°)”.

2. Il libro sul Milite Ignoto disegnato dai bambiniLa giornata, cominciata con l’Alzabandiera nel piazzale d’ingresso dell’istituto, è proseguita con la proiezione dei filmati istituzionali sul “Milite Ignoto” dedicati alle scuole primarie. I piccoli alunni sono stati poi condotti in un percorso dimostrativo dei materiali e degli equipaggiamenti campali che si è concluso con una breve dimostrazione delle tecniche di base del metodo di combattimento militare e di difesa personale. Al termine delle attività gli alunni delle quinte classi hanno regalato ai militari un libro disegnato da loro sul Milite Ignoto.

4. Alunni durante la dimostrazione di MCMLo spunto per l’organizzazione di questa giornata di condivisione tra l’Esercito e gli alunni delle scuole è stato lanciato dalla Dirigente Scolastica del II circolo didattico in occasione della firma del protocollo d’Intesa, avvenuta il mese scorso tra il Comune di Giugliano e il Comando Forze Operative Sud, per la sensibilizzazione dei ragazzi sul tema dell’educazione e sulla gestione dei rifiuti, attraverso la formazione degli insegnanti degli Istituti scolastici.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]