L’Esercito blocca due veicoli utilizzati per la raccolta e il trasporto non autorizzato di rifiuti ferrosi, denunciate due persone nel comune di Villa Literno

Condividi

La tutela dell’ambiente inizia da un vigile controllo del territorio, per contrastare lo smaltimento ed il trasporto illecito di rifiuti.

 

NARDONE

Caserta, 09 ottobre 2020. Ieri una pattuglia dell’Esercito, appartenente al Raggruppamento “Campania”, impegnata nell’Operazione “Strade Sicure” durante l’attività di controllo del territorio nel comune di Villa Literno (Ce), hanno individuato e fermato due veicoli intenti alla raccolta di scarti ferrosi di varia tipologia, riconducibili alla categoria dei rifiuti speciali non pericolosi.

I Militari dell’Esercito verificata la carenza dei documenti necessari per l’attività, hanno posto in stato di fermo i due veicoli e i rispettivi conducenti richiedendo il supporto della locale stazione Carabinieri che giungendo sul posto, accertavano che i due conduttori risultavano sprovvisti delle prescritte autorizzazioni di legge per la gestione e la raccolta dei rifiuti e la mancanza dei documenti di circolazione, per cui  sono stati condotti presso il comando stazione Carabinieri di Casal di Principe  dove sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria e contestualmente hanno provveduto al sequestro dei veicoli comprensivi del carico, in attesa che il dipartimento Provinciale dell’Arpac di Caserta svolga gli accertamenti di competenza.

Il Raggruppamento Campania non è nuovo all’individuazione di persone atte allo sversamento o trasporto illecito di scarti di lavorazione, anche il 5 ottobre u.s., una pattuglia dell’Esercito, durante l’attività di controllo del territorio, ha individuato e bloccato nelle campagne del comune di Sant’ Antimo (Na), una persona intenta a prelevare da un fondo agricolo un grosso quantitativo di  “contatori del gas” di dubbia provenienza.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]