Legge Elettorale, Orlando: no a sistema tedesco, serve alternanza no a larghe intese

Condividi

Napoli, 27 mag. – Il ministro della Giustizia Andrea Orlando boccia l’ ipotesi di un accordo tra Renzi e Berlusconi sulla legge elettorale ed auspica la la costruzione, in Parlamento, di “un fronte per la democrazia dell’ alternanza”. Ad un giornalista che gli ha chiesto, a Napoli, se è preoccupato per un possibile accordo sul “modello tedesco”, Orlando ha risposto: “Non sono preoccupato, sono contrario. Credo che sia più utile a posteriori una legge elettorale che assicuri governabilità all’: indomani del voto. Il sistema tedesco ha molti pregi, però spinge per un sistema di larghe intese. E non credo che sia funzionale per affrontare i problemi dell’ Italia.” Alla domanda su quali conseguenze determinerebbe all’ interno del PD l’ approvazione di una legge elettorale di questo tipo, Orlando ha risposto: “Non lo so, ne discuteremo. Le posizioni non sono buone o cattive in assoluto, sono da misurare secondo il consenso che riescono ad accogliere”. “In Parlamento ­ ha aggiunto Orlando ­ si costruisca un fronte per una democrazia dell’ alternanza, che guardi al tema della governabilità come ad un tema centrale. Quindi non si tratta solo di demonizzare una proposta, ma di farsi carico di costruirne un’altra.”

NARDONE
loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]