Le migliori piante da interno ed esterno per casette in legno da giardino

Condividi

Decorare le casette in legno con delle piante è il miglior modo per ottenere un collegamento diretto con la natura ed in questo articolo scoprirai quali piante si prestano bene per l’arredo, sia interno che esterno, di una struttura di questo tipo.

Prepara guanti e terriccio, perché tra poco dovrai metterti all’opera per dare un tocco di “green” e di colore al tuo giardino!

Le piante per casette in legno

Ad oggi è possibile reperire tantissime tipologie di piante per casette in legno, sia acquistandole online che dal proprio rivenditore fisico di fiducia, ma non tutte sono indicate per stare all’esterno o all’interno.

A tal proposito, possiamo distinguere due tipologie di piante:

  • Piante e fiori ornamentali da vaso,
  • Piante da terra, come piante da orto o fiori da inserire nelle aiuole.

Le piante ed i fiori ornamentali da vaso sono particolarmente indicati per arredare i locali interni, il portico esterno, le ringhiere ed i poggioli, mentre le piante ed i fiori da terra sono ideali da piantare nel giardino, nelle aiuole o, appunto, nell’orto.

Analizziamo nel dettaglio ciascuna delle tipologie appena descritte e scopriamo quali sono le piante di tendenza dell’anno.

Piante e fiori da vaso

Tra le piante ed i fiori da vaso che stanno molto bene all’interno o all’esterno delle casette in legno abitabili, troviamo le piante aromatiche:

  • Basilico,
  • Timo,
  • Salvia,
  • Maggiorana,
  • Origano,
  • Erba cipollina,

Queste piante sono perfette per stare in vaso e l’ideale per loro sarebbe un luogo molto soleggiato ed arieggiato, come il davanzale della finestra. Tieni presente che se il clima è adatto, queste piante, ad eccezione del basilico, riescono a resistere anche in inverno; tuttavia, vanno tenute all’interno e sapendo che in inverno la produzione si ferma completamente (è come se andassero in letargo).

Per quanto riguarda le piante più classiche che possono stare sia all’interno che all’esterno (in primavera ed estate) delle casette in legno, abbiamo:

  • Pothos,
  • Lingua di suocera o Sanseveria,
  • Monstera,
  • Pilea o pianta delle monete,
  • Falangio,

Queste piante sono caratterizzate da foglie di color verde acceso e sono perfette per purificare l’aria dagli agenti inquinanti.

Un buon consiglio che possiamo darti, nel caso in cui non ritenessi di avere il pollice verde è quello di acquistare un vaso autoirrigante, che si occuperà da solo di dare acqua alla pianta ogni qualvolta ne avrà bisogno. Nel mercato esistono diversi vasi autoirriganti, perfetti da posizionare nelle casette in legno da giardino, di diverse dimensioni e dal costo molto accessibile (partono dai 14€ per un vaso di piccole dimensioni).

Piante e fiori da terra

Decidere di piantare delle piante o dei fiori a terra è una scelta più impegnativa rispetto alla precedente, perché richiede maggior impegno, costanza e lavoro.

Infatti, dovrai programmare per tempo la semina o il trapianto; in genere questa operazione può essere svolta verso tarda primavera (maggio), quando iniziano i primi caldi, mentre il raccolto comincia verso metà agosto ed inizio settembre (a seconda della pianta), ma può estendersi anche fino a novembre (vedi piante come la zucca). Inoltre, una volta terminata la stagione dovrai occuparti di rimuovere le radici.

Tra le tante idee di piante che puoi piantare in primavera ci sono:

  • Zucchine,
  • Pomodori,
  • Melanzane,
  • Biete o Coste,
  • Sedano,
  • Asparagi,
  • Broccolo,
  • Cavolfiore,
  • Zucca,
  • Carciofi,
  • Carote,
  • Cicorie,
  • Fagioli,
  • Lattuga,
  • Rucola,
  • Ravanelli,

Gli ortaggi appena descritti necessitano di un terreno ben bagnato, ma non devono mai formarsi ristagni d’acqua o pozzanghere. Ogni qualvolta noterai dei rami secchi (un esempio sono i pomodori, che, una volta prodotti i frutti dell’intero ramo, si seccano), dovrai portarli per permettere alla pianta di continuare la produzione.

Tra i fiori primaverili da piantare a terra in primavera per abbellire le casette in legno troviamo:

  • Gerani,
  • Primule,
  • Tulipani,
  • Begonie,
  • Crochi,
  • Surfinie,
  • Fresia,
  • Lavanda,
  • Narcisi,

Chiaramente, ciascun fiore ha bisogno di un certo tipo di terra ed una certa innaffiatura. Ad esempio, la lavanda ha bisogno di acqua con regolarità, ma il getto non deve mai essere abbondante né devono formarsi ristagni d’acqua, che potrebbero far marcire la pianta stessa. Inoltre, tutti i fiori appena citati ha bisogno di molta luce e per questo possono essere piantati in un luogo molto soleggiato.

Una volta che il fiore è sbocciato, potresti pensare di realizzare dei piccoli vasetti, con dell’acqua, da posizionare su un tavolo esterno o interno. Oppure, nel caso della lavanda, potresti usare gli steli per profumare gli armadi e le cassettiere.

Come arredare adeguatamente le casette in legno per le piante

Parliamo ora di come arredare adeguatamente le casette in legno, sia all’interno che all’esterno, in vista dell’arrivo di coloratissimi vasi di piante profumate.

Come accennato precedentemente, se non ritieni di avere grande dimestichezza con le piante, potresti pensare di acquistare dei vasi smart, o autoirriganti, come quelli realizzati dal brand tedesco Lechuza; si occupano loro di dare acqua alla pianta, quando ne ha bisogno. L’unica cosa che dovrai fare con questi vasi è aggiungere un filo d’acqua seguendo l’indicatore presente nel vaso stesso, che ti dà un range di minimo e massimo entro il quale devi stare, poi ci penserà lui a distribuire l’acqua quando necessario.

Oltre ai vasi, potresti pensare di realizzare una sorta di struttura che ti permetta di sorreggere i vasi: nel caso in cui volessi andare a risparmio, potresti pensare di acquistare dei pallet di legno, ossia un bancale per il trasporto merci che può assumere diverse funzionalità.

Infine, se vuoi dare un tocco di colore alla tua abitazione ed hai modo, potresti pensare di appendere dei vasi di fiori: un esempio è il vaso appeso in entrata, nel quale inserire due o tre vasetti di surfinie o begonie. Una composizione di questo tipo è piuttosto semplice da fare, non ha un costo elevato (né di costruzione né di mantenimento), non richiede grande sforzo computazionale, ma è di grande effetto!

Ora che ti abbiamo dato tutte queste dritte, non ti rimane che metterti all’opera (e indossare i tuoi guanti da giardinaggio preferiti) per trasformare la tua casetta in legno in una piccola oasi verde.

 

 

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]