Le combattenti, tour in bici alla scoperta delle donne napoletane di ieri e oggi

Condividi

Napoli, 6 marzo 2021. È dedicata a “Le combattenti di Napoli ieri e oggi” l’iniziativa promossa da FIAB NAPOLI CICLOVERDI in occasione dell’8 marzo. L’evento promosso per domenica  7 marzo, a partire dalle 9.30, trae spunto dall’opera di Marisa Albanese che viene ammirata tutti i giorni dai pendolari che si muovono dalla stazione della metro linea 1 Quattro Giornate: “Le Combattenti”, un omaggio alle donne della Resistenza e a tutte le donne ribelli, di oggi e di domani, che sfidano il pensiero comune e si attivano per  smuovere le coscienze.

NARDONE

“Prendendo spunto dall’opera di Marisa Albanese abbiamo voluto dedicare il nostro evento alle donne “combattenti” di ieri e di oggi, ideando così un percorso che ci porterà nei luoghi che in qualche modo hanno caratterizzato personaggi femminili che hanno fatto la storia di Napoli”, dice  Teresa Dandolo, presidente Fiab Napoli Cicloverdi. 

Donne celebri come come Eleonora Pimentel Fonseca, Matilde Serao, Maddalena Cerasuolo fino a finire ai giorni nostri andando a incontrare le donne della Cooperativa Lazzarelle (Galleria Principe) per assaporare la bontà dei loro prodotti e per finire incontreremo le donne dell’associazione “Le forti guerriere” nel Rione Sanità, che gestiscono il centro antiviolenza intitolato a Fortuna Bellisario, vittima di femminicidio, di cui domenica ricorre il secondo anniversario della morte.

Appuntamento Piazza Dante ore 9.30; partenza ore 9.45.

Percorso: Museo – Ponte della Sanità – Piazza Santa Maria della Sanità – Banchi Nuovi – S.  Anna    di Palazzo – Piazza Mercato.

Evento nel totale rispetto di tutte le normative anticovid. La partecipazione, previa autodichiarazione, è consentita con bici propria. Bassa/media difficoltà (unica salita per il ponte della Sanità). Consigliato lucchetto per legare la bici.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]