Le Assassine tornano in libreria con due nuove uscite editoriali

Condividi

Internazionale Giallo Garda per La casa al civico 6 di Nela Rywikova e Scelte sbagliate di Susana Hernandez, è in uscita con due nuovi libri: Il bianco e il nero della scrittrice algerina Amal Bouchareb per la collana Oltreconfine – un viaggio magico, ma con sorpresa finale, tra Torino-Algeri e ritorno – e Crimini di prima classe, un vintage che ci riporta alle atmosfere del Titanic, autrice Elizabeth Gill.

NARDONE

“Ci è piaciuto pubblicare in contemporanea questi due libri – ha spiegato l’editrice Tiziana Prina – perché significativi delle nostre due collane: una che tratta le scrittrici contemporanee e l’altra quelle del passato. Ma esiste un altro legame tra i due romanzi: in entrambi il personaggio principale è un pittore.

cover low 1Anche se non potrebbero essere più diversi, entrambi sono alla ricerca di qualcosa. Lyes Madi, il protagonista de Il bianco e il nero è alla ricerca dell’ispirazione per il suo quadro perfetto, mentre Benvenuto Brown di Crimini di prima classe è alla ricerca di un assassino che turba i sonni dei passeggeri della nave di crociera. Quale dei due sia più intrigante sarà il lettore a deciderlo”.

Il 14 ottobre, poi, è la data di uscita nei cinema de La padrina, il film di Jean-Paul Salomé che vede come protagonista Isabelle Huppert e che è stato tratto dal libro di Hannelore Cayre, tradotto e portato in Italia da Le Assassine come La bugiarda.

Infine, prima della partenza per la Fiera del libro di Francoforte, un posto immancabile per trarre ispirazione per i prossimi libri da pubblicare, Le Assassine saranno presenti al Salone del Libro di Torino con due eventi in programma: uno venerdì 15 ottobre alle ore 17.15 con lo scrittore Massimo Tallone in cui si parlerà di storia del giallo al femminile; l’altro incontrò sarà sabato 16, sempre alle ore 17.15, con l’autrice Amal Bouchareb.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]