Lavoro, Nappi (Lega) “In 360mila tirano a campare, evitare bomba sociale”

Condividi
“Nel Sud il lavoro sommerso, così come il precariato, è una piaga molto diffusa che la politica dei bonus a pioggia oggi, ha solo contribuito a incentivare. I dati del rapporto Svimez Istat per la nostra Regione fotografano un quadro drammatico: sono 360mila i lavoratori che per tirare a campare sono costretti ad accettare condizioni vergognose. Non imbroglioni ma persone perbene. La verità è che il lavoro regolare costa troppo e se vogliamo evitare una bomba sociale, per invertire la rotta occorrere incidere sulle condizioni ambientali sfavorevoli che penalizzano la Campania: l’eccessiva burocrazia, il deficit infrastrutturale, l’illegalità diffusa. Azioni possibili e in parte a costo zero, ma certo non da un esecutivo concentrato solo sulla sopravvivenza politica dei suoi membri”. Lo scrive in una nota Severino Nappi, consigliere della Lega alla Regione Campania.
“Nuovo lockdown è risultato immobilismo governo e Regione”

“Se nel prossimo Dpcm verranno confermate le misure illustrate oggi da Conte, senza che queste siano accompagnate dalla garanzia di ristori in tempi immediati per le attività economiche, migliaia di imprese campane del turismo, del commercio e della ristorazione, finiranno per chiudere definitivamente i battenti. La responsabilità di un nuovo lockdown – totale, parziale, generale, territoriale che sia – ricadrà non solo su questo esecutivo ma anche sul presidente De Luca. Le ulteriori restrizioni infatti non sono il risultato di una scelta ma la drammatica conseguenza dell’incapacità, dei rimpalli e dell’immobilismo di questi mesi da parte di chi ci amministra. Misure di emergenza quando è ormai troppo tardi per fare altro”. Lo scrive in una nota Severino Nappi, consigliere della Lega alla Regione Campania.

loading...

NARDONE
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]