La Sicilia continua a bruciare; incendio terribile a San Vito Lo Capo

Condividi

Palermo, 12 lug. – Si moltiplicano gli incendi in Sicilia, ormai inghiottita da temperature che vanno dai 35 ai 37 gradi. Secondo i dati della Protezione Civile, sono 125 gli incendi che divampano in questo momento nella regione.

Il villaggio Calampiso a San Vito Lo Capo è stato evacuato via mare e dieci persone sono state portate d’urgenza al pronto soccorso. L’incendio è stato domato attorno alle 18, grazie all’intervento dei Vigili del Fuoco.

«Stiamo facendo tutto il possibile, chiunque abbia un’imbarcazione ci dia una mano- ha affermato Matteo Rizzo, sindaco di San Vito- Servono mini bus e auto per accogliere le persone che arrivano al porto piccolo e portarle presso gli edifici scolastici a iniziare dalla scuola media. Le strutture ricettive che hanno disponibilità se possono mettere a disposizione gratuitamente le camere per due notti quantomeno per le persone anziane e per i bambini.»

«Abbiamo vissuto momenti drammatici, io ero con la mia nipotina, quando ci hanno gridato di lasciare subito il villaggio turistico- ha testimoniato Ferruccio Donato, pensionato in vacanza presso il villaggio Calampiso di San Vito – Ho cercato di non farmi prendere dal panico. Ho visto persone che piangevano. Soprattutto le donne sole con i figli, perché i mariti erano al lavoro. La situazione è tornata alla calma solo dopo che ci hanno portato via dal mare con i pescherecci e i gommoni.»

«Stamattina si vedevano lingue i fuoco da lontano, alle nostre spalle, ma eravamo abbastanza tranquilli – raccontano i testimoni- Facevamo il bagno con calma, in piscina. Poi è arrivato il primo Canadair ed è andato via. Verso le 13 il fuoco è ripartito e verso le 15 è tornato il Canadair. A quel punto ci hanno convocato in zona piscina e ci hanno detto che potevamo stare lì. Ma all’improvviso è cambiato il vento ed è successo l’inferno. Il fuoco ha cominciato a lambire il villaggio, e così siamo stati evacuati dalla spiaggia. Adesso ci troviamo alla scuola elementare di San Vito in attesa di capire cosa fare. L’importante è essere in salvo.»

Al momento i turisti evacuati sono circa 600.

Fabrizio Viola, dirigente generale del Corpo Forestale della regione Sicilia, ha richiesto una cultura della prevenzione, affinché il territorio sia controllato con maggiore responsabilità dagli organi competenti.

«La flotta nazionale dei canadair – ha affermato – si compone di una ventina di mezzi. A bruciare non è solamente la Sicilia, ma tante altre Regioni d’ Italia. La flotta nazionale non è modificabile e un canadair non si può inventare da un momento all’altro.»

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Chiara Esposito

Chiara Esposito

Laureata in Lettere Moderne, sogna di diventare una giornalista a tempo pieno.