“La poetica dell’abitare”: la mostra di Daniele Zagaria fino al 24 luglio a Villa Campolieto

Condividi

 

3CFB6149 40A9 4B8D 9752 811A4BBA1169

 

 

 Fino al 24 luglio sarà possibile visitare presso Villa Campolieto ad Ercolano, la mostra “La poetica dell’abitare” di Daniele Zagaria, a cura di Marco Zagaria, promossa dalla  Fondazione Ente Ville Vesuviane e dal Ministero della Cultura.

L’antologica svela, tra le suggestive sale settecentesche della villa vanvitelliana, la concezione dell’ “abitare” secondo l’architetto, designer, grafico e progettista di interni, che a partire  dagli anni sessanta, muovendosi nel panorama artistico-culturale napoletano, si avvicina alla poetica dell’inutile” e del “gioco”, alla ricerca di una nuova estetica del disegno d’arredo. Un percorso creativo, quello di Zagaria, fatto di contaminazioni tra i vari saperi e in cui, oltre alle collaborazioni con altri artisti, artigiani e scultori, anche la musica jazz svolge un ruolo fondamentale, accompagnando questo viaggio simbolico e narrativo.

Tra le opere in mostra  il mobile quadro, il mobile robot  e  le grafiche “spaziali, con cui Zagaria approda all’“umanizzazione del design”, capace di destare stupore e grande curiosità nello spettatore.

Negli anni in cui si apre un dibattito sulla crisi del funzionalismo, il design italiano si afferma nel mondo e Daniele Zagaria, con la sua creatività e la sua prolifica produzione diventa  uno dei protagonisti dell’avanguardia della scuola napoletana, realizzando  opere e oggetti d’arredo antropomorfi, ispirandosi  alla poetica del gioco  e all’estetica di alcuni movimenti artistici del primo Novecento, tra cui il  Futurismo, ma soprattutto  dialogando con la creatività dei suoi amici artisti, tra i più noti nel panorama culturale partenopeo, fra cui Mario Persico e Annibale Oste .

I mobili-quadro e i mobili-scultura di Zagaria sono concepiti per essere indipendenti all’interno dello  spazio abitato, svincolati dagli schemi imposti  dall’industria o dalle mode. Nell’ incessante  sperimentazione tra  futuro e passato, innovazione e tradizione, che l’affascinante  percorso espositivo della mostra rivela,  le opere di Zagaria trovano uno scenario perfetto all’interno di Villa Campolieto e sono in linea con lo spirito della Fondazione Ente Ville Vesuviane, proiettata nel futuro e impegnata nella valorizzazione del suo glorioso passato.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]