La patria di Itzurza di Alessio Vagaggini dal 6 settembre in libreria

Condividi

La patria di Itzurza di Alessio Vagaggini arriva in libreria lunedì 6 settembre con Chance edizioni, per la collana Scrittura Spontanea.

Classe 1991 e di origini aretine, l’autore ha vissuto tra Italia, Belgio e Spagna, occupandosi di progetti e affari europei, senza mai tralasciare l’amore per la letteratura.

NARDONE

È proprio da tale passione, unita a un’attenta osservazione rivolta alla Spagna e ai suoi scenari, che prende vita questo romanzo in cui si intrecciano le vite di quattro donne e la Storia, quella con la S maiuscola fa da contesto alle vicende personali di persone così lontane tra loro, ma allo stesso tempo così vicine.

Siamo nella Spagna degli anni ‘80, gli anni in cui il paese era ancora legato a tradizioni e valori secolari ma si imponeva una modernità che ancora non gli apparteneva e per la quale forse non era pronto, la Spagna in cui ETA rivendicava l’indipendenza, il Franchismo era decaduto ma ancora vivo nella vita politica e sociale.

Alessio Vagaggini
Alessio Vagaggini

La Patria di Itzurza nasce come omaggio a un paese, la Spagna, verso il quale ho sempre provato un’attrazione particolare, sia per le vicende politiche che lo hanno caratterizzato, sia per il fascino di una cultura simile ma al contempo molto diversa dalla nostra” – ha dichiarato l’autore.

Aver vissuto a Siviglia mi ha sicuramente agevolato nel capire la vita quotidiana, la memoria, gli ideali e tutte le sfaccettature di un paese che ho cercato di riprodurre nei personaggi che popolano il romanzo. La Spagna degli ’80 è infatti una fucina di idee (le rivendicazioni della periferia contro il centro, la transizione verso la democrazia dopo decenni di Franchismo, il nuovo ruolo della donna in una società estremamente maschilista) che assumono qui una carica emotiva difficilmente rintracciabile altrove. In questo contesto si inserisce la centralità dell’universo femminile, dato che le protagoniste del romanzo sono quattro donne fra loro estremamente diverse. La Patria di Itzurza cerca di indagare le motivazioni che sottostanno alle scelte di ognuna, le loro azioni, i lori ideali, senza mai giudicare, bensì scavando a fondo nella natura umana e nel senso dell’esistenza”.

“Alessio Vagaggini – ha affermato l’editore Andrea Stella – ha un romanzo di valore ed è una persona che merita l’attenzione dei lettori e l’impegno della casa editrice. È riuscito a scrivere un libro non solo capace di ricreare un contesto storico perduto, restituendogli il fascino e l’attenzione che gli sono dovuti, ma anche di rendere tale ambientazione funzionale per una storia che è universale, diventando un viaggio dentro l’animo umano in cui ogni lettore e soprattutto lettrice può riconoscersi”.

Preparatevi a scavarvi dentro, a non leggere così diverse le parole amore e tradimento, a sorprendervi delle vostre emozioni contrastanti: questa è una storia dalla quale non si esce se non ci si guarda dentro.

 

Dati tecnici

Autore: Alessio Vagaggini

Casa editrice: Chance edizioni

Collana: Scrittura Spontanea

Uscita: 6 settembre 2021

Pagine: 208

Costo: 15,00 €

 

Sinossi:

Un romanzo in cui si intrecciano le vite di quattro donne, in cui la Storia con la S maiuscola fa da contesto alle vicende personali di persone così lontane tra loro ma allo stesso tempo così vicine.

Siamo nella Spagna degli anni ‘80, gli anni in cui il paese era ancora legato a tradizioni e valori secolari ma si imponeva una modernità che ancora non gli apparteneva e per la quale forse non era pronto, la Spagna in cui ETA rivendicava l’indipendenza di Euskadi, il Franchismo era decaduto ma era ancora vivo nella vita politica e sociale.

Questa è La Patria di Itzurza, dove la protagonista vive la sua vita e combatte le sue guerre, battaglie per i suoi ideali e per se stessa, per ritrovare la capacità di essere amata e scoprirsi finalmente donna.

Come la sua terra, Itzurza vive un periodo di evoluzione e drastici cambiamenti e non riesce a cogliere sempre i contorni della sua identità. Questo aspetto sarà il punto di contatto con le altre donne del romanzo, in particolar modo con Clara, con cui, per un capriccio del destino, intreccerà la sua esistenza e sarà inevitabile per entrambe doversi guardare dentro nel profondo, e riconoscere le fragilità personali nelle difficoltà e nelle amarezze, accettando il proprio lato più intimo e al contempo umano. Con loro anche Maria, l’attrice decaduta che vive nella memoria della sua epoca di gloria, e Elena, il personaggio più statico del romanzo, il cui “risveglio” richiama da vicino concetti propri delle filosofie orientali, devono fare i conti con se stesse, con i rapporti familiari, le aspettative disattese e le rinunce.

Da un lato abbiamo la guerriera, che deve comprendere per cosa vale la pena combattere, e dall’altra abbiamo una famiglia disgregata che ha perso la sua unità molto tempo addietro.

Ma ciò che unisce tutte queste donne sono, appunto, le difficoltà che devono affrontare per imparare ad accettarsi, e più della politica che sembra inesorabilmente condizionare le loro vite, sarà il bisogno di deporre le armi e perdonarsi che renderà possibile l’andare avanti e poter guardarsi allo specchio con occhi diversi.

Biografia autore:

Alessio Vagaggini è nato il 25 dicembre del 1991 ad Arezzo.

Nomade per indole, ha vissuto tra Italia, Belgio e Spagna, occupandosi di progetti e affari europei, senza mai tralasciare la passione per la letteratura.

I sui riferimenti letterari sono Milan Kundera, Italo Svevo, Albert Camus.

La casa editrice:

Chance Edizioni è un progetto editoriale nato a Roma nel gennaio del 2017.

Andrea Stella e Rossana Orsi, mossi dall’amore per la scrittura e dalle difficoltà di riconoscersi in progetti editoriali esistenti, decidono di creare dapprima il magazine “22 Pensieri”, con l’intento di realizzare una rivista multitematica che fosse punto di incontro per autori che cercassero uno spazio per esprimersi e fosse terreno di sperimentazione e contaminazione artistica.

Con la nascita della casa editrice si cerca di creare spazi nuovi all’interno del mondo editoriale, a volte eccessivamente autoreferenziale e chiuso, e si cerca di dare vita a quella che loro chiamano “editoria emotiva”. Alla base della linea editoriale c’è la Narrativa Introspettiva, dove ogni libro anche di genere differente ha come minimo comun denominatore uno sguardo rivolto verso l’interno, ogni storia è anche un viaggio introspettivo e uno spunto di riflessione e crescita personale.

In questo contesto si inserisce perfettamente il filone della poesia, ampio e particolarmente curato.

Ma Chance è opportunità a 360 gradi e trovano spazio anche le raccolte di racconti, che meglio di tutti fanno da motore di aggregazione tra autori emergenti, i saggi, anche questi con una forte connotazione emotiva e un’introspezione sociale profonda, e i progetti editoriali sperimentali nella distribuzione, nella realizzazione o come libri nati da esperienze di workshop e laboratori.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]