La ceramica: piastrella o complemento d’arredo? Il quesito di Cottovietri al Cersaie di Bologna

Condividi

Cottovietri sarà presente al Polo Fieristico nella Hall 22, Stand A120

Salerno, 22 Settembre 2019 Stravolgere, creare, reinterpretare. Gioca sull’evoluzione e tutte le declinazioni d’impiego della ceramica Cottovietri, che conferma anche quest’anno la sua presenza al Cersaie 2019, Il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno in programma a Bologna Fiere dal 23 al 27 settembre prossimo.
Dopo la mattonella insetticida, quella social, la colourterapy, le lastre fino a due metri, il contract, il tartan e il cplus, quest’anno nello slow living dell’azienda, la ceramica sarà l’anima di un racconto nuovo in cui tradizione e innovazione tornano a fondersi per disegnare una nuova trama e sottoporre all’occhio del visitatore un interrogativo singolare. Ceramica: piastrella o complemento d’arredo? Quale la giusta collocazione? È corretto considerare un decoro come “semplice” rivestimento o sarebbe più giusto collocare quell’intreccio di colori e formati tra quegli elementi unici capaci di arricchire di bellezza e arte ogni ambiente? Il quesito nasce dalla consapevolezza che la continua ricerca e la costante attenzione dell’azienda alle evoluzioni del design, dei tempi e della moda ha decisamente modificato il gusto e plasmato le collezioni di un tocco nuovo, crocevia tra sartoriale e artigianale.
«Il grande pregio dei nostri materiali – spiega l’ad di Cottovietri Antonio Senatore – è che possono essere personalizzati nelle forme, nelle dimensioni e nei colori. La scelta di un nostro prodotto corrisponde sempre ad un gusto personale che non conosce trend. Sta a noi, come per un abito su misura, “cucire” gli ambienti in modo sartoriale e unico Inoltre, la varietà dei colori e dei formati, la qualità e il fascino di ogni singolo pezzo, fa sì che i decori possano diventare anche complementi d’arredo, elementi caratterizzanti tanto quanto una poltrona o una lampada».
Una nuova sfida dunque per l’azienda di Cava dei Tirreni con 40 anni di storia, a pieno titolo tra le oltre 220 industrie della ceramica italiana. Il settore, con più di 25mila addetti e circa 6,5 miliardi di fatturato complessivo nel 2018, resta il benchmark per tutti i competitor globali in termini di design e qualità e il primo esportatore mondiale in valore, con più del 30% dell’interscambio di piastrelle. L’export, del resto, ha superato l’80% delle vendite totali, la linfa vitale di questa nicchia dell’industria italiana che di fronte a una crisi che ha dimezzato i volumi, dal 2013 in avanti ha reagito a colpi di investimenti.
«Anche quest’anno per noi si riaccendono i riflettori sul Cersaie. Saranno cinque giorni in cui metteremo in vetrina le nuove tendenze Cottovietri –  aggiunge Senatore – per noi del settore, il confronto è un momento fondamentale, uno stimolo per crescere e fare sempre meglio».

Cottovietri sarà presente al Cersaie nella Hall 22, Stand A120. Info: www.cottovietri.it.

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]