La Bandiera italiana compie 225 anni

Condividi
Il Presidente Mattarella: «Simbolo di un popolo tenace, che sa affrontare e vincere le sfide in ogni campo della vita»

Oggi l’Italia festeggia la nascita della Bandiera italiana, che compie 225 anni. Il simbolo è codificato nell’articolo 12 della Costituzione italiana, che ne definisce le forme e l’aspetto: “verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni”. Un vessillo esibito da tutti i palazzi istituzionali del Paese, dai piccoli comuni fino al Quirinale.

Nel suo messaggio in occasione della ricorrenza, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha definito il Tricolore «simbolo dell’Italia e testimone del cammino che ha portato alla costruzione della Repubblica, libera e democratica».

«Dalle difficoltà che hanno contraddistinto i nostri giorni, a iniziare dalle sofferenze provocate dalla pandemia e dal clima di incertezza, è sorta una nuova consapevolezza e fiducia nel futuro. Abbiamo dimostrato che ogni sfida può essere raccolta e affrontata con l’impegno e la responsabilità di tutti e di ciascuno», ha dichiarato il Capo dello Stato.

La nostra Bandiera, ha ricordato infine il Presidente, ha accompagnato gli atleti protagonisti di una stagione di successi sportivi internazionali: «Le loro vittorie sono l’immagine di un popolo tenace, impegnato verso l’avvenire e che, per la serietà offerta con la sua condotta, ha rappresentato un riferimento per l’intera comunità internazionale».

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

«Celebriamo oggi il 225° anniversario del Tricolore, simbolo dell’Italia e testimone del cammino che ha portato alla costruzione della Repubblica, libera e democratica.

Tante tragiche ed eroiche vicende hanno accompagnato il raggiungimento di un destino comune.

Dalle difficoltà che hanno contraddistinto i nostri giorni, ad iniziare dalle sofferenze provocate dalla pandemia e dal clima di incertezza che questa ha generato, è sorta una nuova consapevolezza e fiducia nel futuro.

Abbiamo dimostrato che ogni sfida può essere raccolta e affrontata con l’impegno e la responsabilità di tutti e di ciascuno.

Il calore con cui tanti concittadini, nei momenti più difficili, hanno esposto la bandiera alle finestre di casa e intonato il Canto degli Italiani, ha segnato la memoria collettiva del Paese e richiamato il valore fondamentale della solidarietà e della coesione sociale. Tutte le istituzioni e le espressioni della società civile hanno saputo compiere la loro parte.

La nostra bandiera ha accompagnato gli atleti protagonisti di una stagione di successi sportivi internazionali che ci ha reso orgogliosi di quanto hanno saputo testimoniare.

Le loro vittorie sono l’immagine di un popolo tenace, che è impegnato verso l’avvenire e che, per la serietà offerta con la sua condotta, ha rappresentato un riferimento per l’intera comunità internazionale.

Viva il Tricolore, viva la Repubblica».

 Roma, 07/01/2022

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]