L’esercito in rivolta in Costa d’Avorio

Condividi

Da venerdì scorso l’ammutinamento di circa 300 militari sta destabilizzando la Costa d’Avorio. Si parla di almeno un morto e decine di feriti.

NARDONE

Roma, 16 mag. – Per la seconda volta nel 2017 le proteste dell’esercito e le richieste dei pagamenti arretrati e di migliori condizioni salariare destabilizzano la Costa d’Avorio. Il primo ammutinamento avvenuto il 6 gennaio con l’occupazione di Bouake, principale centro urbano del nord del Paese, e che si era poi velocemente espanso nelle città vicine di Man, Daloa, Daoukro e Korhogo, era stato placato grazie a un accordo con il governo che cercava di venire in contro alle richieste dell’esercito di ricevere un bonus salariale come compenso per l’intervento durante la guerra civile del 2011. Una richiesta interpretata da molti analisti come una “ricompensa” per l’appoggio degli ex-ribelli – successivamente integrati nelle forze armate grazie agli accordi di pace – all’attuale presidente Alassane Ouattara negli scontri contro l’ex-presidente Laurent Gbagbo.

La crisi finanziaria dovuta al crollo del prezzo del cacao, da cui dipende l’economia del Paese, ha però reso difficile per il governo mantenere la promessa fatta. Giovedì 11 maggio, a seguito di un meeting dei vertici militari ad Abidjan, un portavoce dell’esercito aveva annunciato la rinuncia alla richiesta di ottenere la parte del bonus non ancora erogata dal governo. Questa dichiarazione è stata però rigettata da parte dei soldati che si è riversata per le strade di Bouake e altri centri urbani del Paese seminando il panico tra i cittadini. Le vie di accesso alle città di Bouake ed Abidjan sono state bloccate e sono stati sparati diversi colpi di arma da fuoco. Una persona è morta ad Bouake  domenica 14 maggio e si registrano decine di feriti.

 

 

loading...

Marcella Esposito

Laureata in Relazioni e Istituzioni dell'Asia e dell'Africa, si interessa di governance urbana e sviluppo locale nei paesi dell'Africa sub-sahariana, di migrazioni e questioni di genere.