Italo Cirielli (FdI): “Garantire incolumità pubblica e sicurezza stradale. Presentata interrogazione”

Condividi

Cava de’ Tirreni, 27 gennaio 2022 – Presentata oggi dal consigliere comunale di opposizione Italo Cirielli (FdI) un’interrogazione a risposta scritta e orale al sindaco Servalli e all’assessore ai Lavori Pubblici e Manutenzione, Nunzio Senatore, per conoscere quali urgenti iniziative l’Amministrazione intende adottare per garantire l’incolumità pubblica e la sicurezza stradale di molte aeree cittadine, dal momento che, nonostante i numerosi impegni assunti per realizzare interventi di risanamento stradale e valorizzazione del territorio, molte strade verserebbero ancora in situazioni di pericolo e si troverebbero a tutto oggi prive di manutenzione. “Le condizioni in cui versano alcune arterie della Città – dichiara Italo Cirielli – inficiano la sicurezza stradale, la viabilità e diminuiscono il livello di abitabilità delle zone, arrecando danni ai cittadini ivi residenti e mortificando il decoro e l’immagine della Città”. “Chiedo al sindaco e all’assessore Nunzio Senatore – chiarisce il consigliere di Fratelli d’Italia – se sono a conoscenza dei fatti da me esposti nella nota; quali urgenti iniziative di competenza intendono intraprendere al fine di garantire l’incolumità pubblica e la sicurezza stradale di molte aeree cittadine; se per le strade via Enrico de Marinis, via Gaetano Cinque, via Degli Aceri, via Ugo Foscolo, Sp129a, via Giuseppe Abbro, via Salvo d’Acquisto e lo spazio antistante l’edilizia popolare tra via Salvo d’acquisto e via Giovanni Gentile è già stato predisposto un programma dei lavori di intervento; se intendono rappresentare quanti progetti di intervento sono stati sino ad oggi rispettivamente approvati, avviati e quanti completati e l’onere complessivo stanziato per gli stessi; se intendono, di concerto con gli organi provinciali, avviare una consultazione per la messa in sicurezza delle strade provinciali di collegamento con la cittadina”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]