Istruzione, Scalfi (Ist. Veronesi): Bene doppia laurea, ora insistere su Stem

Condividi

“Aver eliminato dopo 90 anni il vincolo che impediva agli studenti italiani di frequentare due corsi di laurea contemporaneamente è di per sé una grande innovazione. Questa nuova possibilità, oltre a frenare la fuga di cervelli, apre finalmente alle ambizioni dei ragazzi, e spiana la strada a una multidisciplinarità che oggi, in un mondo del lavoro sempre più interconnesso, è diventata fondamentale. Penso al continuo aggiornarsi di competenze digitali e tecnologiche, per esempio in relazione a materie come la medicina e la ricerca: avere competenze tecnologiche sarà sempre più importante, qualsiasi campo di interesse si scelga”. Così Laura Scalfi, direttore generale dell’Istituto G. Veronesi e del Liceo Steam International, sulla legge sulla doppia laura, da poco approvata in Parlamento e presentata oggi alla Conferenza dei rettori dai ministri dell’Istruzione Patrizio Bianchi, dell’Università Maria Cristina Messa e dell’innovazione tecnologica Vittorio Colao. “Quello che è altrettanto fondamentale, ora, è che il sistema scolastico e universitario si dimostri al passo di questa modernità – aggiunge Scalfi – Le riforme previste dal Pnrr procedono abbastanza speditamente, come dimostra l’approvazione di ieri in Commissione del potenziamento degli Its, ma attendiamo con ansia anche l’arrivo della riforma dell’orientamento, necessario per far conoscere le cosiddette materie Stem, le discipline scientifico-tecnologiche, e i relativi corsi di studio”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]nito.it