Istituito Tavolo Istituzionale per Logista da Maddaloni ad Anagni.

Condividi

Istituito ufficialmente il tavolo regionale che si occuperà di trovare una soluzione alla decisione della Logista di spostare la propria attività da Maddaloni ad Anagni. Entro la scadenza del 22 marzo si lavorerà per superare l’illogico stato di crisi di una azienda sana che si occupa della distribuzione dei prodotti del tabacco per conto dei Monopoli di Stato nel Sud Italia ed isole. Questa mattina il Presidente del Consiglio regionale Gennaro Oliviero, ha aperto i lavori aggiornati dalla riunione dell’11 febbraio u.s. Presenti management aziendale, l’assessore regionale Antonio Marchiello e i sindacati, obiettivo rimuovere la decisione dell’azienda di chiudere le attività in provincia di Caserta. I lavori, si sono conclusi con un aggiornamento al 22 marzo quando i presenti dovranno produrre una soluzione per rimuovere lo stato di crisi. “Un utile passo avanti – ha dichiarato il Presidente del Consiglio regionale – Gennaro Oliviero – la situazione ancora non è risolta ma restano aperti margini di soluzione. L’azienda avrà tutto il sostegno della regione affinché possa continuare ad operare a Maddaloni ed evitare che oltre 100 persone possano rimanere senza lavoro. In questo delicato momento non si può nemmeno immaginare di perdere posti di lavoro, soprattutto in provincia di Caserta dove la crisi occupazionale si fa sentire fortemente. Posso dire che sono cautamente soddisfatto di questo secondo incontro e spero vivamente che tra un mese, quando si terrà il tavolo conclusivo, si possa annunciare che i lavoratori della Logista di Maddaloni continueranno a lavorare e a produrre. La regione, grazie alla sensibilità ma soprattutto alla grande professionalità dell’assessore Marchiello, sta facendo tutto ciò che è nelle proprie possibilità per salvare una azienda, tra l’altro sana e che produce importanti utili”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]