Iraq, attentato contro militari italiani: cinque feriti non in pericolo di vita

Condividi

I militari impegnati nella missione anti Isis 

 

NARDONE

Stamattina, alle 10, lo scoppio di un ordigno artigianale ha colpito cinque militari italiani in Iraq, nei pressi di Kirkuk.

I feriti sono due incursori del Nono Reggimento d’assalto paracadutisti Col Moschin (esercito) e tre del Gruppo Operativo Incursori (marina). Stando a quanto si è appreso, tre sono in gravi condizioni ma non in pericolo di vita.

Questi i nomi dei cinque militari italiani feriti oggi in un attentato in Iraq, secondo quanto appreso dall’Adnkronos: Marco Pisani, Paolo Piseddu, Andrea Quarto, Emanuele Valenza, Michele Tedesco. I cinque appartengono alle Forze speciali: in particolare, apprende l’Adnkronos, due dei feriti sono effettivi al nono reggimento Col Moschin dell’Esercito e tre appartengono al Gruppo operativo incursori Comsubin della Marina militare.

Tuttavia, uno dei cinque militari rimasti ha subito l’amputazione di una gamba. Lo ha dichiarato Nicola Lanza de Cristoforis, Comandante del Comando Operativo di vertice Interforze (Coi), intervistato da RaiNews24. Si tratta, ha spiegato, di un sottoufficiale dell’esercito. Un altro ha riportato lesioni interne e un terzo ha importanti ferite a un piede. Le famiglie dei militari sono state informate.

L’attacco nel quale sono rimasti feriti cinque soldati italiani è avvenuto, come ha appreso l’Adnkronos, mentre era in corso un’operazione della task force 44 con i peshmerga curdi nell’area di Palkana, a sud di Erbil, sulla strada per Kirkuk, nel nord dell’Iraq.

L’esplosione di un Ied sarebbe avvenuta al termine di un’attività di ‘bonifica’, che aveva portato al rinvenimento di materiale di interesse.

I cinque militari sono stati evacuati con elicotteri Usa facenti parte della Coalizione internazionale contro lo Stato Islamico.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, appresa la notizia del gravissimo attentato contro il contingente militare italiano in Iraq, ha fatto pervenire al ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, e al capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Enzo Vecciarelli, un messaggio di solidarietà per i militari rimasti feriti. È quanto si legge in una nota del Quirinale.

“Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è stato informato tempestivamente dal ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, in merito all’attentato che ha coinvolto questa mattina cinque militari italiani in Iraq. È stato aggiornato sulle loro condizioni di salute e continua a seguire costantemente e con attenzione la situazione. Il presidente Conte esprime vicinanza ai militari feriti, che stanno ricevendo in queste ore le cure mediche, e alle loro famiglie”. Così una nota.

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]