”Io non ci casco” Rappresentazione teatrale al carcere di Secondigliano- scritta e interpretata da detenuti

Condividi

Napoli, 26 ottobre- Il garante delle persone private della libertà personale, Samuele Ciambriello e la Direttrice della Casa Circondariale di Secondigliano, Giulia Russo, promuovono nella giornata di Sabato 27 ottobre alle ore 10.30 presso il Centro Penitenziario Secondigliano una straordinaria rappresentazione teatrale dal titolo “Io non ci casco” scritta e interpretata da un gruppo di detenuti, alcuni dei quali ergastolani, dell’alta sicurezza del Reparto Adriatico del carcere di Secondigliano.

Lo spettacolo scritto ed interpretato da 20 detenuti ha l’intento di lanciare un segnale che “SI Può”; infatti, loro scrivono nell’invito: “Il nostro intento è quello di inviare un messaggio di legalità che arrivi soprattutto ai più giovani per invitarli a rapportarsi alla società e all’ambiente in cui vivono con un senso civico e un senso di legalità più forti e ad abbandonare la strada dell’illegalità. Speriamo che questo messaggio sia tanto più incisivo in quanto viene lanciato da noi, che abbiamo vissuto un processo di cambiamento profonda che ci ha permesso di riflettere e rielaborare il nostro percorso esistenziale.”

Per il garante campano, Samuele Ciambriello: “tale rappresentazione fa comprendere la possibilità che “si può” ri-costruire se stessi sugli errori passati. Trovo che sia importante ascoltare la voce di chi ha vissuto e paga le conseguenze degli sbagli commessi e parlano di giustizia riparativa e invitano alla legalità e alla responsabilità. Lo strumento del teatro, delle letture libere e delle varie iniziative che li hanno visti partecipi e coinvolti negli ultimi 2 anni li hanno condotti oltre che alla consapevolezza dei propri errori e alla riconsiderazione di se stessi”.

Per tale evento è stato autorizzato l’ingresso a giornalisti e ai cameramen. Per ragioni organizzative si prega di arrivare entro le ore 10:00.

ciambriello detenuti 1

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]