Intervista – Resilienza 3.0, Massimiliano Gallo a teatro ci insegna come resistere alle difficoltà dei nostri tempi

Condividi

Acerra, 8 dic. – Il teatro resiste e diventa propositivo. Massimiliano Gallo lo dimostra con l’upgrade dello spettacolo da lui scritto durante la pandemia, ora riletto con ‘Resilienza 3.0’, in scena insieme a Shalana Santana e Pina Giarmanà.

L’apertura della stagione 2022 del Teatro Italia di Acerra, avviene con uno spettacolo allestito come teatro-canzone, pronto ad incontrare il pubblico tra risate e riflessioni, traghettandolo verso il nuovo anno in modo propositivo.

‘Resilienza 3.0‘ che sta riscuotendo grande successo nei teatri campani, coniuga temi importanti con la voglia di lasciarsi alle spalle la paura dei nostri tempi tra coronavirus e difficoltà piccole o grandi del quotidiano.

Toni leggeri e spaccati profondi dell’anima, del mondo degli uomini e delle donne, rendono ‘Resilienza 3.0‘ un viatico verso la salvezza dalla stanchezza e dal tedio attuale. In un’ora e mezza di spettacolo, tra risate sornione e pagine dolorose del gioco dei ruoli tra uomini e donne, Gallo porta a casa la soddisfazione e l’applauso del pubblico, appagato e ben contento di aver preso parte ad uno spettacolo orchestrato con abilità.

L’ INTERVISTA

 

Pina Stendardo

Giornalista freelance presso diverse testate, insegue la cultura come meta a cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.