INTERVISTA – Cristicchi: “Con Nigiotti la poesia della diversità è tornata all’Ariston”

Condividi

Sanremo, 7 feb. – Il brano “Ti regalerò una rosa” con cui Simone Cristicchi vinse il Festival di Sanremo é un viaggio nelle ragioni della follia.

Nella terza serata sanremese Enrico Nigiotti lo ha cantato con Simone all’Ariston in duetto. La poesia trasudava dovunque.

Abbiamo scambiato due battute con Simone a riguardo: 

– Simone ieri sera come un po’ di anni fa, l’effetto della tua canzone ‘Ti regaleró una rosa’ è stato potente. Con Nigiotti quali sensazioni?

Ti regalerò una rosa” ha segnato un cambio nella mia rotta musicale e spero porti ad Enrico la stessa fortuna che ha portato a me.

Il Festival é una grandissima opportunità per avviare progetti importanti. Nel mio caso la canzone mi ha avvicinato a libri, documentari, realizzazione di spettacoli teatrali, spero valga lo stesso per lui.

– Nella tua carriera il teatrocanzone è una splendida realtà?

Il Teatro è diventato preponderante nella mia carriera. Anche qui come nella musica, guardo le sfumature del mondo.

– Nigiotti canta l’amore in questo Festival. Sarà una coincidenza fortunata come per te?

Enrico con “Baciami adesso” dá uno schiaffo all’orgoglio in amore, proprio come “Ti regalerò una rosa’ lo fa col pregiudizio. Quindi…deducete le conclusioni.

 

 

Pina Stendardo

Giornalista freelance presso diverse testate, insegue la cultura come meta a cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.