“Il ventennio d’oro del cinema italiano” – Quattro lustri di illustri

Condividi

Il ventennio d’oro del cinema italiano – Quattro lustri di illustri è la nuova saggistica proposta nella collana Personaggi di Graus Edizioni. Scritto a tre mani da Ciro Borrelli, Gianmarco Cilento e Domenico Palattella il volume arricchisce il panorama librario sugli studi del cinema italiano. Il saggio, pubblicato lo scorso anno, festeggia il suo primo anniversario nelle librerie con la presentazione che avverrà mercoledì 6 aprile 2022 ore 18:00 presso The Spark Creative Hub in Piazza Bovio 33, Napoli. L’evento sarà moderato dal giornalista Marco Sica e sarà prevista la partecipazione dell’autore della prefazione, il professore Valerio Caprara, mentre l’attore Salvio Cirillo interverrà con letture dal saggio.

Il libro

Il saggio Il ventennio d’oro del cinema italiano si concentra proprio sugli anni di massimo splendore del nostro panorama cinematografico, ovvero dalla fine degli anni Cinquanta fino alla fine del 1970, quando ad arricchire le pellicole italiane c’erano figure come Antonio De Curtis, in arte Totò, ma anche autori come Federico Fellini, oppure Luchino Visconti, Marcello Mastroianni e tanti altri ancora.

Con questo volume il mondo dell’editoria dedicata allo studio e all’analisi delle forme e tendenze cinematografiche si incrementa di nuove riflessioni che indagano maggiormente gli sperimentalismi, le correnti e le tendenze che hanno consentito al cinema italiano di risplendere anche fuori dai confini nazionali.

Il saggio è rifinito da quattro interviste a: Carlotta Bolognini, Erminia Ferrari Manfredi, Vito Molinari e Marco Risi; oltre che dal commento in prefazione di Valerio Caprara, scrittore, docente universitario e critico cinematografico.

Gli autori

Ciro Borrelli, nato a Napoli nell’aprile del 1973, è sposato e ha una bambina. Dipendente pubblico, scrittore e saggista, laureato in Scienze storiche. Pubblica, nel 2017, con la casa editrice Kairòs, serie ORO: Peppino De Filippo, tra palcoscenico e cinepresa; nel 2018, per la casa editrice Apeiron, serie ORO: Totò con i 4 insieme a Domenico Livigni. Pubblica, inoltre, il giallo-poliziesco I lupi e i pellicani con la casa editrice Homo Scrivens uscito nel marzo del 2019 e Pensavo fosse un comico, invece era Troisi con l’editore Phoneix Publishing, serie ORO uscito nel 2020.

Gianmarco Cilento, classe 1992. Saggista e critico cinematografico, laureato in Analisi del film, collabora con le testate «DassCinemag» (gestita dalla Sapienza Università di Roma), «Diari di Cineclub» e «Il Marsili Notizie». Per i nostri tipi ha scritto Peppino di Capri e i suoi Rockers (2018), suo libro d’esordio, che contiene in preparazione una monografia su Roberto Benigni. Ha tenuto lezioni di cinema in varie associazioni culturali.

Domenico Palattella nasce nel novembre del 1988. Scrittore, giornalista e critico cinematografico professionista dal 2015, nonché́ critico d’arte e cinematografico dell’AIAM (Accademia internazionale d’Arte Moderna). È presidente e socio-fondatore dell’Associazione cinematografica “La Dolce Vita” e docente di Critica cinematografica e Storia del cinema presso alcuni enti pubblici culturali, tra cui il Lucania Film Festival. È autore di diversi libri, tra cui L’Italia del cinema dagli anni ’60 agli anni ’90, mito, storie, curiosità con Dellisanti Editore, 2019 e Una chiorma di amici – la generazione d’oro del cinema italiano con Kairòs Edizioni (2020).

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]