Il trasformista Luigi Di Maio. La Politica che diventa capriccio di un ragazzino

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

Luigi Di Maio, attuale ministro degli esteri (purtroppo) ed ex ministro del lavoro, non riesce proprio a prendere sul serio la Politica.
E non riesce neanche ad essere machiavellico, per cui il fine giustificherebbe il mezzo, Di Maio è semplicemente Giggino Di Maio. Non toglie e non mette.

NARDONE

“Alla manifestazione di sabato della Cgil a Roma c’era anche Luigi Di Maio che pensate un po, per anni, ha inveito contro i sindacati definiti “i veri responsabili del disastro delle condizioni dei lavoratori” e mimacciando che se fosse andato il suo partito al governo li avrebbe radicalmente cambiati: ‘O si autoriformano o ci pensiamo noi’
‘Il siindacato – disse un’altra volta Di Maio – deve tornare nelle mani dei lavoratori e non di sindacalisti professionisti con la pensione d’oro che non lavorano da vent’anni mentre la loro organizzazione riceve finanziamenti da tutte le parti’
‘Di Maio – rispose Susanna Camusso, la leader della Cgil dell’epoca – dimostra tutta la sua ignoranza ma insieme l’arroganza di chi crede che il pensiero sia solo di chi governa e non riconosce la rappresentanza. Stiamo tornando all’analfabetismo della Costituzione perché la libertà di associazione è un grande principio costituzionale’.
‘Pensionati d’oro’ e “Analfabeti della Costituzione” a braccetto ieri in Piazza San Giovanni a Roma uniti contro i fascismi. Auguri”
Gerardo Verolino, giornalista

A Marzo 2018 il caro Giggino da Pomigliano D’Arco affermava che Whirlpool non avrebbe licenziato nessuno.
“Le promesse dei 5 Stelle: Di Maio. Non sono passati manco 3 anni… Anche contro queste bugie sabato 30 ottobre manifesteremo a piazza san giovanni a Roma.”
Marco Rizzo, PC

Evidentemente Di Maio non sa cosa sia il lavoro. E lo abbiamo visto quando da ministro del lavoro pensò ad elargire redditi di cittadinanza.
“E’ triste vedere come il sindacato dei lavoratori si sia prestato a una squallida strumentalizzazione politica alla vigila del ballottaggio per il sindaco di Roma.
E’ in corso, infatti, una ridicola passerella politica che con il lavoro e la difesa del sindacato non ha nulla a che fare. Basti pensare che nel corteo, oltre a tutto l’apparato del PD, c’era anche Luigi Di Maio, uno che ha passato la sua vita a schivarlo, il lavoro.”
Vittorio Sgarbi

“Oggi abbiamo abolito la povertà.” Diceva.
“La sua, se mai ne ha vissuta una, l’avevano abolita sulle spiaggette deliziose di Capri, gliel’avevano dissolta le luci della Costa Smeralda e la notte di sogno al Lìo.”
Pasquale Napolitano, giornalista e autore del libro su Di Maio ‘Leader per caso’.

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.