Il Taccuino presenta “Non c’ero mai stato” di Vladimiro Bottone

Condividi

Lo scrittore napoletano Vladimiro Bottone presenta “Non c’ero mai stato”, la storia dell’incontro tra Ernesto Aloja, un editor in pensione che ha vissuto una vita a metà dedicandosi alle ambizioni degli altri, e Lena Di Nardo, una ragazza che di vite ne ha vissute tante, e ha un disperato bisogno di raccontarle. Da questo incontro nasce un rapporto tormentato e a tratti ossessivo, nel quale entrambi proveranno a mettersi a nudo, consapevoli di essere giunti a un momento cruciale della loro esistenza. Un’opera intensa e profonda per un autore già molto apprezzato per i suoi romanzi storici pubblicati dalle case editrici Rizzoli e Neri Pozza.

vladimiro bottoneTitolo: Non c’ero mai stato

Autore: Vladimiro Bottone

Genere: Narrativa contemporanea

Casa Editrice: Neri Pozza

Collana: Bloom

Pagine: 400

Prezzo: 20,00 €

Codice ISBN: 978-88-545-20-295

 

«Vado per i cinquantanove e ho fallito. Pensavo che il lavoro redazionale fosse solo una tappa; viceversa ero incappato in una trappola, anche se discretamente retribuita. Dedicarsi all’editing significa votarsi alla causa di qualcun altro. A volte meritevole, a volte semplicemente più furbo o fortunato di te. Consacrarsi all’editing significa restare per tutta la vita senza il nome che risplenda in copertina. Dunque ignoto, esattamente come i tuoi avi dalla cui sorte ambivi a scampare: la fossa comune, appunto […]».

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redaz[email protected]