Il Salotto a Teatro ospita Alessandro Haber e Lucrezia Lante Della Rovere

Condividi

SABATO 30 MARZO ORE 19 – TEATRO COMUNALE CASERTA

 

Sabato 30 marzo alle ore 19 al Teatro Comunale di Caserta nuovo appuntamento del ciclo “Il Salotto a Teatro”, incontri tra i protagonisti della scena e il pubblico.

Ospite de “Il Salotto a Teatro”, curato dalla giornalista Maria Beatrice Crisci, saranno Alessandro Haber e Lucrezia Lante Della Rovere. L’iniziativa è organizzata dal Teatro Pubblico Campano.

Chi parteciperà all’evento potrà documentare e diffondere sui social media i post, le fotografie e i selfie usando l’hashtag #salottoateatro e l’evento potrà essere seguito anche sul web.

L’incontro è aperto al pubblico con ingresso libero, come tutti gli altri eventi del ciclo. E di veri e propri eventi si tratta, visto che, di volta in volta, si potrà interloquire con gli attori, a volte anche con altre figure coinvolte nella realizzazione delle proposte sceniche, fare domande e scoprire le possibili chiavi di lettura di ogni singolo spettacolo della stagione.

I due attori sono protagonisti sabato 30 alle ore 20,45 e domenica 31 alle ore 18 della messa in scena dello spettacolo «Il Padre» di Florian Zeller per la regia di Piero Maccarinelli.

“Il Salotto a Teatro”, incontri tra i protagonisti della scena e il pubblico, nasce con lo scopo di contribuire a superare la barriera tra palcoscenico e platea, mettendo in diretto rapporto registi, attori, autori con gli spettatori e con tutti quanti amino il mondo teatrale. Conoscendo la trama dello spettacolo, la sua genesi culturale, le caratteristiche della regia, l’interiore approccio interpretativo degli attori, il pubblico potrà ancora meglio apprezzare la rappresentazione e scorgere cosa ci sia sotto la maschera di scena. Si tratta sicuramente di una bella opportunità artistica e culturale che permette al pubblico di conoscere da vicino gli artisti in scena al Teatro comunale Costantino Parravano.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]