Il Premio Palma Cappuro “Donne per la Cultura” ad Annalisa Aruta, Claudia Bonasi, Matilde Gargiulo, Rosaria Iaccarino, Maria Rispoli e Nora Rizzi

Condividi

La Sala degli Specchi del museo Correale di Terranova a Sorrento ha fatto da splendida cornice alla Serata di Gala dell’Associazione Culturale Palma Cappuro che sabato 10 dicembre ha voluto premiare alcune donne – insegnanti, studiose, imprenditrici culturali e sociali – che si sono distinte ognuna nel proprio ambito di impegno. La serata Donne per la Cultura, condotta da Gius Gargiulo, ha viste insignite del prestigioso riconoscimento la professoressa Annalisa Aruta, francesista dell’Università Federico II di Napoli (sezione studi storici e filosofici); la dottoressa Claudia Bonasi per il giornalismo e l’imprenditoria culturale a Salerno e in costiera amalfitana; la professoressa Matilde Gargiulo premio alla carriera scolastica; la signora Rosaria Iaccarino per l’impegno nel sociale; la dottoressa Maria Rispoli per le ricerche archeologiche in Penisola sorrentina e agli scavi di Pompei; la professoressa Nora Rizzi per l’impegno nella scolarità dell’obbligo. Nel corso della serata Gius Gargiulo ha voluto ricordare la professoressa salernitana Caterina Freda, recentemente scomparsa, per il suo grande impegno di insegnante e traduttrice, prima della proiezione di un filmato di backstage del documentario Casanova e la sua figlia salernitana di Gianluca Durante, che fu girato al Casino Sociale di Salerno, in cui la professoressa Freda fu in prima linea in ambito organizzativo. Uno spazio è stato dedicato anche all’Airc, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, grazie alla dottoressa Roberta D’Antonio, oncologa dell’ospedale “Santa Maria della Misericordia” di Sorrento, Asl Napoli 3-Sud, che è intervenuta sui temi della prevenzione e delle nuove terapie per il cancro al seno. La serata è stata allietata da interventi musicali della giovanissima straordinaria mandolinista Rebecca Della Ragione che ha eseguito alcuni pezzi del suo repertorio.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]