Il Ministro Bianchi: “Niente obbligo vaccinale per i docenti”

Condividi

Il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi, parlando a margine dell’evento di apertura dell’iniziativa La Repubblica delle Idee in corso a Bologna, ha confermato che allo stato attuale “non c’è e non abbiamo in mente di procedere” con l’ipotesi di rendere obbligatorio il vaccino contro il nuovo coronavirus per gli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado, proposta che era stata avanzata nelle scorse ore anche dai dirigenti scolastici.

NARDONE

Per il momento, ha aggiunto, il ministero si limiterà a “un fortissimo appello alla solidarietà collettiva”. Sulla stessa linea anche la sottosegretaria all’istruzione Barbara Floridia, che ha invitato tutti i docenti italiani “a procedere con la vaccinazione, soprattutto quelli dei territori in cui la percentuale di professori vaccinati è bassa”.

In ogni caso, ha anticipato la sottosegretaria Floridia, “credo ci siano tutte le condizioni perché a settembre la scuola riparta in presenza”. Sul tema della didattica in aula si è esposto anche lo stesso ministro: “La scuola italiana è in cammino. Non è che il ritorno in presenza è un problema solo del governo: tutti dobbiamo lavorare per tornare alla normalità. Io – ha concluso Bianchi – sto facendo la battaglia per la presenza, ma ognuno ha una responsabilità. Il Comitato tecnico-scientifico ci dice che ci sono ancora problemi sanitari: ci devono dire loro cosa succede se ci sono dati sui livelli vaccinali”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]